Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: LA SCUOLA

Rientro in classe in piena sicurezza. Ecco le nuove regole

Mascherine al banco dopo i 6 anni e costante ricambio d’aria. Il servizio mensa sarà garantito ma a turni

Valerio Morabito

Email:

redazione@laprovinciacr.it

01 Settembre 2021 - 06:20

Rientro in classe in piena sicurezza. Ecco le nuove regole

CREMONA - Un labirinto di regole per scongiurare la Dad. Il primo giorno di scuola è ormai vicino e prosegue la discussione sulle modalità delle ripartenza. Ieri c’è stata una conferenza dei servizi nazionale tra il Miur e i presidi degli Istituti scolastici, compresi quelli della provincia di Cremona, per ascoltare le esigenze e i consigli dai territori riguardo il ritorno in aula degli alunni in tempi di pandemia. Solo nei prossimi giorni il Ministero e comunicherà, con precisione, quali regole ben precise adottare alle scuole. Intanto sono diversi i temi al centro della discussione per provare a tornare alla normalità già da questo anno scolastico.

Green Pass

Per gli studenti c’è libertà di scelta. I docenti e il personale scolastico dovranno essere in possesso del green pass. Quindi dovranno essere o vaccinati o guariti dal Covid. In alternativa si dovrà esibire un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.

Mascherine

È previsto l’obbligo di indossare la mascherina all’interno degli Istituti per tutti gli alunni di età superiore a 6 anni (anche quando sono seduti al banco) e, ovviamente, per il resto del personale scolastico (docenti, Ata e amministrativi). Il Governo distribuirà le mascherine chirurgiche direttamente nelle scuole e quelle trasparenti per gli studenti con disabilità uditive per poter leggere il labiale.

Distanziamento

Un metro di distanza tra ciascun banco e due metri tra la cattedra e i banchi. È prevista una deroga nel caso in cui nelle aule non ci sia abbastanza spazio per rispettare queste misure Per il trasporto pubblico è prevista una capienza massima dell’80% dei mezzi.

Temperatura

Resta in vigore la disposizione secondo la quale gli studenti e il personale scolastico devono rimanere a casa se la temperatura corporea supera i 37,5 gradi o in presenza di sintomi sospetti. La misurazione può essere fatta in autonomia a casa, ma nulla vieta agli Istituti scolastici di effettuare un controllo all’ingresso con i termoscanner.

Pulizia e mensa

Consigliato il costante ricambio dell’aria, specie nelle classi. Il consiglio è di tenere le finestre aperte. Servizio mensa garantito, ma si potrà accedere in base a turni.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400