Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Skatepark: arriva la pista nuova

Smantellata la vecchia struttura, ora è caccia ai fondi per rifarla

Pierluigi Cremona

Email:

pierluigi.cremona@virgilio.it

20 Agosto 2021 - 06:10

Skatepark: arriva la pista nuova

L'area dopo lo smantellamento dello skatepark

CASALMAGGIORE - È stato smantellato in attesa di essere completamente rifatto lo skatepark di zona Baslenga a Casalmaggiore. 

Abbiamo rimosso tutto perché spesso le attrezzature venivano vandalizzate. Pure le transenne

Nei giorni scorsi sono state rimosse le rampe e le transenne che delimitavano l'area dove era stato collocato, ossia una parte dell'ampio parcheggio davanti agli impianti sportivi. Per i ragazzi che l'avevano utilizzata e per i possibili futuri fruitori, si tratta però di un arrivederci e non di un addio.

L'amministrazione comunale, grazie a Lara Cavalli, si sta già muovendo per partecipare ad un bando specifico per finanziare la creazione di un nuovo skatepark.

«Abbiamo rimosso tutto perché spesso le attrezzature venivano vandalizzate. Pure le transenne», spiega il sindaco Filippo Bongiovanni. «Non abbiamo però intenzione di privare i ragazzi di Casalmaggiore di questo spazio, quindi ci siamo già mossi per partecipare ad un bando per l'acquisto di nuove attrezzature».

Lo skatepark era nato con le amministrazioni di centrosinistra e il regolamento che venne approvato dal consiglio comunale nel luglio 2010, con il sindaco Claudio Silla.

La struttura comprendeva: un bank alto un metro e mezzo circa, un quarter, un funbox con muretto e rail piano-discesa, un bank to bank, un muretto street a due altezze (30 e 40 centimetri), un jump e cinque flatbar tutti diversi. Inoltre le rampe erano rivestite in lamiera o ferro. Il regolamento ricordava che «lo skatepark è accessibile ogni giorno dell'anno, dall'alba al tramonto» e che «l'uso dell'impianto è finalizzato all'apprendimento e alla pratica dello skateboard e dei pattini in linea; non è consentito in alcun modo l'uso della pista per altre discipline bmx, bmt, monopattini e attrezzi di vario genere, non idonei allo svolgimento dell'attività».

Nella precedente amministrazione, guidata sempre da Bongiovanni, era stato il consigliere delegato allo sport Giuseppe Scaglioni, tre anni fa, a portare l'attenzione sul cattivo stato di conservazione della struttura.

Si era tentato più volte di affidare la struttura a qualche gruppo organizzato, ma senza risultati. Nel corso degli anni poi l’usura, i vandali e l’incuria ne hanno fatto una struttura non più all’altezza della città e di chi ne usufruisce. Adesso è giunta la rimozione in attesa della rinascita.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400