Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CINGIA DE' BOTTI

Fondazione Germani, specialisti a domicilio per i malati di Alzheimer

Il nuovo progetto coinvolge un'équipe multidisciplinare in un percorso di assistenza personalizzata

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

18 Agosto 2021 - 06:15

Specialisti a domicilio per curare l'Alzheimer

CINGIA DE' BOTTI - Si chiama «SOS demenza e dintorni» il nuovo progetto che la Fondazione Elisabetta Germani di Cingia de’ Botti sta per varare a beneficio del territorio e che in sostanza consiste nella attivazione di una équipe multidisciplinare per il sostegno a domicilio dei malati di Alzheimer e delle loro famiglie. «Si tratta di un servizio che abbiamo deciso di avviare basandoci sul bagaglio di esperienze acquisite nell’ambito del nostro Nucleo Alzheimer - spiega il direttore generale della Fondazione, Ivan Scaratti -. Deriva da una valutazione multidimensionale. Sarà inizialmente a pagamento, ma ci auguriamo che possa essere accreditato in futuro. Nel parleremo in occasione di un convegno che si terrà in occasione della giornata nazionale dell’Alzheimer fissata per il 21 settembre».

RISPOSTA AI BISOGNI DELLE FAMIGLIE


Il progetto nasce dopo l’osservazione di quanto avvenuto negli ultimi mesi, come fa notare il direttore sanitario Isabella Salimbeni: «L’emergenza della pandemia ha squarciato il velo sui bisogni di numerose famiglie, che si trovano ad affrontare un vero impegno psicologico quando hanno a che fare con persone che soffrono di disturbi cognitivi. Il periodo vissuto ha reso evidente la necessità di trovare risposte nell’ambito di una cabina di regia che possa coordinare più figure al domicilio del paziente. Quello che si intende creare è proprio una équipe multidisciplinare in grado di valutare i bisogni e definire le modalità per raggiungere gli obbiettivi delineati».

ASSISTENZA PERSONALIZZATA


Michele Merlini, coordinatore dei servizi territoriali della Fondazione Germani, sottolinea che «la struttura è un punto di riferimento fondamentale. Da lunedì 23 agosto sarà attivo il numero di telefono 331-7873192, al quale risponderò io fornendo informazioni alle persone interessate per dare il via al percorso di assistenza personalizzata. In questo tipo di lavoro saranno impegnate le figure del medico geriatra, del terapista occupazionale, del logopedista, del fisioterapista e della psicologa». Il tutto, sottolinea Salimbeni, «avverrà sempre in uno stretto rapporto di collaborazione con il medico di medicina generale, che resta una figura di riferimento fondamentale».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400