Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TRAGEDIA DELLA STRADA

Incidente fatale a Camisano, la 22enne indagata per omicidio stradale

Domani l'addio al carabiniere Raffaele Campagna: raccolta fondi per aiutare la famiglia

Antonio Guerini

Email:

aguerini@laprovinciacr.it

13 Agosto 2021 - 06:20

Incidente fatale a Camisano, la 22enne indagata per omicidio stradale

CAMISANO - È stata consegnata ieri ai famigliari la salma di Raffaele Campagna (avrebbe compiuto 40 anni il prossimo 23 agosto), il carabiniere rimasto vittima mercoledì pomeriggio di un tragico incidente stradale lungo al bretella che collega la 591 alla BreBeMi. Il funerale verrà celebrato domani alle 15 nella parrocchiale di Zandobbio, dove viveva. Il militare di stanza all’Ispettorato del lavoro di Cremona era in sella al suo scooter Bmw Gt 600 e stava facendo ritorno a casa, a Zandobbio appunto, in provincia di Bergamo. Ad aspettarlo c’erano la moglie Elena, e le figlie Siria, 14enne, e Greta, di soli otto anni.
Lo scontro letale è avvenuto con una Opel Agila, condotta da una 22enne residente a Camisano. La giovane è ora indagata per omicidio stradale. Un atto dovuto. Sempre alla ragazza è anche stato sequestrato il telefono cellulare. Verifiche verranno fatte dagli agenti del distaccamento di Crema della Polstrada, che hanno eseguito i rilievi di legge.


La dinamica di quanto accaduto è ancora in fase di accertamento, ma sembra che la giovane abbia perso il controllo dell’auto, che a quel punto avrebbe invaso la corsia opposta proprio mentre arrivava il vicebrigadiere Raffaele Campagna. Scontro violentissimo: il militare è rimasto schiacciato tra l’auto e il guardrail. I sanitari hanno tentato il tutto per tutto. Poco minuti dopo l’impatto Raffaele Campagna è stato caricato sull’eliambulanza: destinazione ospedale san Matteo di Pavia. Ma non c’è stato nulla da fare. Il militare, nativo di Treviglio dove aveva frequentato l'istituto comprensivo Mozzali, nei mesi scorsi era rimasto coinvolto in un altro incidente sempre in moto. Lo ha raccontato il sindaco di Zandobbio Mariangela Antonioli: «Si era rotto la spalla nella caduta e stava facendo riabilitazione», a Cremona era arrivato dopo aver prestato servizio in alcune caserme in provincia di Bergamo. Poi il concorso sostenuto per entrare nel Nucleo ispettorato del lavoro e la sede in quel di Cremona. In queste ore i colleghi di Raffaele hanno avviato una raccolta fondi (lo si legge sul profilo Facebook del carabiniere) per aiutare la famiglia in questo momento difficile

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400