Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PIADENA DRIZZONA

"Più morti coi vaccini? Il sindaco Priori in confusione"

La minoranza: "Sappiamo anche di affermazioni fatte in pubblico esplicitamente contro il vaccino anti Covid"

Pierluigi Cremona

Email:

pierluigi.cremona@virgilio.it

12 Agosto 2021 - 06:05

"Più morti coi vaccini? Il sindaco Priori in confusione"

PIADENA DRIZZONA - «Il sindaco Matteo Priori vuole far intendere che nonostante le persone si siano vaccinate si sono certificati più morti come se il vaccino non avesse agito positivamente sul decorso della pandemia». È quanto sostiene il gruppo di minoranza 'Piadena Drizzona una comunità che cresce', dopo aver visionato il video di Priori diffuso dal canale Facebook Tele Piadena, dove il primo cittadino ha effettuato il punto sulla situazione pandemica in un video messaggio. Il passaggio contestato, avviene dopo circa 8 minuti di video, quando Priori mostra un foglio con i dati del 3 agosto 2020 e del 3 agosto 2021. I numeri parlano di più contagi nel 2021 rispetto al 2020, più ricoverati in Terapia intensiva, più decessi e meno dimessi e guariti. «Ora, scusate tanto, abbiamo avuto più morti, più nuovi contagi e più persone in Terapia intensiva rispetto all’anno scorso. Mi direte che è tutto un caso, questi confronti non servono. Non è vero che non servono perché i dati dicono che nel 2020 i vaccinati erano pari allo zero per cento e nel 2021 la popolazione vaccinata al 3 agosto era al 53,2%. Non voglio fare altre considerazioni, confrontate questi dati e pensate un attimo. Vi lascio questo pensiero e non voglio dire nient’altro. Però mi sembra giusto e doveroso, come sindaco, informare mia cittadinanza di questa cosa; poi ognuno tragga le sue conclusioni e ci ragioni un po’. Cominciate a ragionare un attimo su questi dati».


«Un messaggio equivoco che consideriamo inopportuno soprattutto se arriva da un sindaco e dunque da un rappresentante delle istituzioni e dello Stato e che va a cozzare coi dati scientifici e le posizioni ufficiali dell’Istituto Superiore di Sanità - affermano i membri del gruppo consiliare -. Il primo cittadino si è limitato a leggere dei numeri statistici senza approfondirli e senza la minima spiegazione collegando l’aumento dei vaccinati con l’aumento del numero dei morti, un messaggio equivoco. È vero, ognuno può avere le convinzioni che vuole, ma la cosa fondamentale è che deve anche considerare il ruolo che ricopre, il quale comporta una seria valutazione di ciò che si fa e che si esprime pubblicamente. Dietro la campagna vaccinale, ormai attiva da mesi, ci sono donne e uomini che stanno facendo i salti mortali per garantire la piena copertura, dottoresse e dottori, infermiere e infermieri e soprattutto volontarie e volontari che in ogni padiglione stanno garantendo il regolare svolgimento della campagna vaccinale e il nostro Sindaco cosa dice? Confonde le acque. Sappiamo anche di affermazioni fatte in pubblico dal sindaco esplicitamente contro il vaccino anti Covid-19: uno schiaffo a tutte e tutti le lavoratrici e lavoratori del mondo medico e infermieristico e del volontariato impegnati in questa dura battaglia. Ed è anche uno schiaffo alla scienza».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400