Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SU TELEGRAM

Finti Green pass, la testimonianza di un cremonese

Il giovane ha 'trattato' con i truffatori: "Ti mandano un QR Code farlocco per 120 euro"

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

10 Agosto 2021 - 18:57

Finti Green pass, la testimonianza di un cremonese

CREMONA - «Ti mandano un QR Code farlocco per 120 euro. Si tratta di un codice a barre che potrebbe benissimo essere generato gratis con programmi informatici, comodamente da casa, ma che non funziona. Quando ci si lamenta del mancato funzionamento, ecco il ricatto in bitcoin per evitare che i dati personali forniti, indispensabili per redigere il falso documento, vengano divulgati»: lo spiega un ragazzo della provincia di Cremona che, nei giorni scorsi, ha ‘trattato’ con i truffatori del Green Pass in uno dei canali Telegram finiti al centro dell'operazione 'Fake pass'. Sono 32 i canali Telegram che sono stati chiusi, ma basta cercare le parole chiave (pass, greenpass, oppure il simbolo del bollino verde) per rendersi conto che rispuntano come funghi. Il più popolare conta quasi 11 mila iscritti.

Nessun cremonese, per il momento, sembra essere caduto concretamente nel raggiro arrivando a pagare le somme richieste. O meglio: nessuno ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine, molto probabilmente per non subire conseguenze. Così come non ci sono state, ad oggi, segnalazioni da parte di ristoratori o baristi incappati in anomali QR Code non riconosciuti dall'app VerificaC19. La Polizia di Stato garantisce però che vigilerà e se necessario interverrà tempestivamente. Nel frattempo l’appello è quello di non cadere in trappola e non credere in simili scorciatoie: per ottenere il Green pass, gratuitamente, basta vaccinarsi o avere un tampone negativo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400