Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TRA CREMONA E CASTELVETRO

Ponte sul Po, c'è il progetto: il gigante di ferro rimesso a nuovo

Intervento sostenuto con i 7,5 milioni di euro del ‘pacchetto ponti’. Via ai lavori probabilmente nell'estate del 2022

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

10 Agosto 2021 - 06:00

Ponte sul Po, c'è il progetto: il gigante di ferro rimesso a nuovo

Il presidente della Provincia di Piacenza Patrizia Barbieri

CASTELVETRO - La Provincia di Piacenza ha approvato il progetto definitivo dei lavori di manutenzione straordinaria al ponte sul fiume Po fra Cremona e Castelvetro: l’attesa pianificazione, che comprende vari elaborati e relazioni tecniche, permette di aprire la Conferenza dei servizi. Che sarà convocata a breve. Già nelle prossime ore, infatti, l’ente dovrebbe comunicare ufficialmente l’importante e cruciale passaggio. L’intervento sarà sostenuto economicamente attraverso i 7,5 milioni di euro stanziati tramite decreto del ministero alle Infrastrutture del primo febbraio 2018, ovvero il famoso ‘pacchetto ponti’. Sono serviti tre anni per arrivare alla fase finale del complesso iter burocratico, che come ha più volte precisato in passato il dirigente responsabile Stefano Pozzoli, è stato rallentato dal fatto che servivano pareri preliminari di due differenti Regioni e Soprintendenze. E nel frattempo, a complicare ulteriormente la faccenda, c’è il fatto che la gestione dell’infrastruttura viaria in questione è passata sotto la competenza di Anas (dall’8 aprile 2021 in virtù del Dpcm del 21 novembre 2019).

L'IMPATTO DEL CANTIERE


Con la recente determinazione provinciale, però, l’ente piacentino di via Garibaldi ha approvato gli interventi che comprendono lavori più massicci all’impalcato B del 1890 compresi rinforzi dei traversi in acciaio, nuova soletta in cemento armato e trattamenti delle sottostrutture. Per quanto riguarda la porzione di ponte più recente (quella ricostruita nel 1946) sono previste invece nuova soletta in cemento armato, trattamenti alle sottostrutture e riparazione dei cavi di precompressione. Sono in programma anche sostituzioni delle barriere e restyling vari che restituiranno un manufatto più sicuro. Dunque si tratterà di un cantiere decisamente più impattante rispetto a quelli degli ultimi anni necessari per le riasfaltature o i rattoppi – che sarebbero necessari anche ora a giudicare da alcuni crateri che sono venuti a formarsi – e di conseguenza lo saranno pure i disagi.

TEMPI E CIRCOLAZIONE

Per quanto riguarda i tempi, la pianificazione progettuale prevede: progetto esecutivo entro 60 giorni dalla conclusione della Conferenza dei servizi; procedura di gara europea con aggiudicazione entro cinque mesi dal progetto esecutivo; contratto e consegna lavori entro due mesi dall’aggiudicazione; chiusura cantiere in un anno. Si può dunque ipotizzare, ma si resta appunto nel campo delle ipotesi perché tutto dipenderà dalla procedura di appalto, un avvio dei lavori per l’estate o l’autunno 2022. Prima dell’avvio del cantiere ci sarà presumibilmente una concertazione fra gli enti coinvolti (in primis Provincia di Piacenza e Comune di Castelvetro) per concordare le modalità di esecuzione. Se il senso unico alternato sarà quasi sicuramente inevitabile durante alcune fasi dell’intervento, la chiusura totale potrebbe essere evitata. Ma anche su questi punti si attendono le ufficialità che dovrebbero arrivare a breve.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400