Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Passa per «Young in progress» la sfida per l’occupazione

Primo passo i fondi regionali per attivare il progetto: coinvolti 31 mila cremaschi dai 15 ai 34 anni

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

09 Agosto 2021 - 06:10

Passa per «Young in progress» la sfida per l’occupazione

CREMA - Il futuro dei giovani cremaschi in ambito lavorativo, passa anche dal rilancio del servizio di orientamento in capo al Comune, estendo le opportunità a tutto il territorio, 48 paesi e un bacino di 136.000 abitanti circa.

Via libera a «Young in progress», progetto che richiede un investimento di 65.625 euro. Primo passo, andare a caccia di contributi regionali per 45.000 euro, partecipando ad un bando regionale. Il Comune è affiancato da altri partner (dalle cooperative sociali alle associazioni) e garantirà i restanti 20.625 euro.

Il potenziale bacino di utenza sono circa 31 mila ragazzi e ragazze (dati aggiornati a inizio 2020): 6.584 i residenti in città tra i 15-34 anni residenti, pari al 19,03% della popolazione, mentre se si allarga il discorso all’ambito dei 48 Comuni si sale a 31.937, pari al 19,65% della popolazione. 

I dati indicano un territorio con segnali di difficoltà in alcuni settori e fasce di popolazione. In particolare, il servizio alla persona rileva una forte carenza di figure professionali

In caso di finanziamento, verrà dunque rafforzato il servizio Orientagiovani, il cui sportello ha sede in piazza Duomo. Inoltre saranno coinvolti i ragazzi in interventi di cittadinanza attiva e di inserimento lavorativo. A seguire la progettazione anche l’assessore alle Politiche giovanili Michele Gennuso.

«I dati indicano un territorio con segnali di difficoltà in alcuni settori e fasce di popolazione. In particolare, il servizio alla persona rileva una forte carenza di figure professionali (sanitarie e socio-educative)» spiegano dal Comune. Di conseguenza in collaborazioni con gli istituti scolastici superiori cittadini, verranno promossi incontri di gruppo per i giovani delle ultime classi per approfondire e conoscere il mercato del lavoro. I partecipanti, guidati da professionisti dell’orientamento, rifletteranno sulle loro competenze e capacità e si confronteranno sui settori a più alta richiesta di figure professionali: sono previsti 15 percorsi da 20 ore per gruppo.

L’Orientagiovani promuoverà anche l’ingresso nel mondo del lavoro di giovani a bassa scolarizzazione, anche mediante servizi di accompagnamento personalizzato: sono previsti almeno 10 percorsi personalizzati da 3 a 24 ore. Inoltre, per portare a conoscenza dei giovani le possibilità occupazionali e dei relativi percorsi di formazione e specializzazione disponibili, verranno organizzate tavole rotonde, presentazioni, incontri con imprenditori del territorio. Quattro i focus: cura, cosmesi, smart jobs e unlock dei giovani.

I ragazzi saranno coinvolti attraverso diversi canali: coloro che già partecipano a attività istituzionali, consulta dei giovani di Crema, volontari in Servizio civile, al momento si contano 56 giovani operanti in 11 Associazioni e nove Comuni del distretto. Poi il gruppo #Staisulpezzo, formato da ragazzi rappresentanti ed ex rappresentanti di classe d’istituto delle scuole cremasche, dedicato all’organizzazione di eventi sportivi e culturali studenteschi. Infine, i gruppi di adolescenti coinvolti nella progettualità «La Lombardia è dei giovani 2020». Non mancheranno campagne comunicative sui profili social del Comune, dei partner e della rete, sulla stampa locale e presso i luoghi di aggregazione sul territorio, come oratori e biblioteche.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400