Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Allarme gatti abbandonati: "Fenomeno in crescita"

Gli Angeli della Bassa invitano ad adottare i mici senza casa tra cui i tenerissimi Ciro e Miky

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

06 Agosto 2021 - 06:10

Allarme gatti abbandonati: "Fenomeno in crescita"

CASALMAGGIORE - Si parla spesso, soprattutto d’estate, dell’abbandono dei cani, ma un’altra piaga è l’abbandono dei gatti, non solo appena nati, ma anche adulti. Succede anche a Casalmaggiore, come spiegano all’organizzazione di volontariato Gli Angeli della Bassa, guidata da Jlenia Ferrari, che lancia un appello per «adottare ad ogni età», perché «l'amore non ha limiti».

«Mesi e mesi fa — dicono gli Angeli — ci hanno chiesto aiuto per due due giovani mici ritrovati a Casalmaggiore. Mici che nessuno ha reclamato e che da allora sono in stallo in casa Angeli». Per dare un ordine di grandezza, si stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80 mila gatti e 50 mila cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti. E l’abbandono è un reato punito con l’arresto fino a un anno o con una multa fino a 10 mila euro. Stando ai dati, nel solo mese di giugno sono aumentate del 17% le cessioni di animali rispetto allo scorso anno e del 60% l'abbandono dei gatti. Perché si abbandonano gli animali? Spesso accade quando ci si rende conto che non sono giocattoli, ma esseri che richiedono attenzioni, cure, tempo. E’ allora che può accadere che, con la stessa facilità con cui è stato accolto, magari come dono, il cane o il gatto possa essere messo alla porta e abbandonato.

Carla Rocchi, presidente nazionale Enpa ha dichiarato: «I segnali che riceviamo dal territorio purtroppo sono molto allarmanti. Registriamo un forte aumento delle cessioni a causa della morte o dei ricoveri dei proprietari e di una totale assenza in questi casi di un progettazione del futuro di questi animali. Chi ha pet in casa deve sapere a chi affidarli in caso gli succeda qualcosa. Ancora più allarmante il dato che ci arriva sui gatti: +60% di abbandoni. Su questo fronte la sterilizzazione è vitale». Nel caso dei due trovatelli di Casalmaggiore, uno è Ciro, «di circa due anni, castrato, positivo alla felv (leucemia felina) ma asintomatico. Un gigante buono di sei chili, amorevole, di compagnia e socievole con gli altri gatti». Poi c’è Miki, «poco più di due anni, tutta una coccola. Sterilizzata, vaccinata, negativa ai test, chippata, è di una dolcezza disarmante. Chissà quanto erano belli e teneri da piccoli ma lo sono anche ora che sono cresciuti. Non poniamo limiti all’amore, non facciamolo noi per primi. Sappiamo bene che è difficile far adottare un micio adulto, tutti vogliono i cuccioli ma il cuore delle persone, la loro sensibilità a volte ti sorprende. Speriamo tanto che il nostro appello non cada nel nulla ma faccia eco e possa arrivare finalmente per Ciro e per Miki quella famiglia che aspettano da tanto», concludono gli Angeli della Bassa, una organizzazione di volontariato nata per combattere il randagismo e l'abbandono dei felini. Chi volesse mettersi in contatto con l’associazione può scrivere una e-mail a angelidellabassa@yahoo.it o tramite la pagina Instagram: angelidellabassa

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400