Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. LE VACCINAZIONI

E adesso la prima fila è tutta dei più giovani

Negli ultimi tre giorni a CremonaFiere moltissimi under 20 per la prima dose. Rappresentano il 18,9% dei nuovi immunizzati della settimana appena conclusa

Mauro Cabrini

Email:

mcabrini@laprovinciacr.it

01 Agosto 2021 - 06:30

E adesso la prima fila è tutta dei più giovani

CREMONA - Le riflessioni del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, gli appelli del premier Mario Draghi, i richiami del commissario all’emergenza, generale Francesco Figliuolo: se con il Green pass obbligatorio dal 6 agosto e i ripetuti inviti a vaccinarsi si voleva ottenere l’effetto spinta, rivolgendosi in particolare ai giovani, la fascia in tutta evidenza più esposta alla Variante Delta, di sicuro l’obiettivo è stato raggiunto. Perché ora più che mai, sono i ragazzi a guidare lo sprint della campagna vaccinale: mostrando un forse inatteso senso di responsabilità, accompagnati dalla convinzione di buona parte dei genitori, tirano la volata a riempiono gli hub. In Italia, in generale. E a Cremona, in particolare.

Lo dicono le immagini: mostrano volti freschi e occhi desiderosi di libertà, le ultime fotografie scattate al polo di CremonaFiere. E lo attestano i numeri: ragazzini e ragazzine in età scolare, vale a dire fra i 12 e i 19 anni, rappresentano il 18,9% di tutti i nuovi immunizzati della settimana appena conclusa, percentuale che sale al 40% contando anche i ventenni.

Nel dettaglio: i nuovi vaccinati con almeno una dose fra i 12 e i 19 anni sono 571 e in una settimana il totale è rapidamente passato dai 10.591 del 21 luglio agli 11.162 del 28, con un incremento totale del 5,3%. Ma scomponendo il dato fra le due Asst, l’aumento diventa pari al 7,8% in quella di Cremona (più 402 fra città, provincia e Casalmaggiore, e del 3% (più 169) a Crema.

A mercoledì i 12-19enni che avevano ricevuto almeno una dose di farmaco anti-Covid sono 5.523 a Cremona e 5.639 a Crema, con una copertura che è passata nel complesso dal 40,2% al 42,4%. Per quanto riguarda i territori, la percentuale di 12-19enni immunizzati almeno parzialmente è cresciuta dal 37,1% al 40,1% a Cremona e dal 43,5% al 44,9% a Crema.
Campagna avanti, però. Perché la platea dei giovani da convincere è ancora ampia: stando agli elenchi in possesso di Ats Val Padana, potenzialmente ne restano da coinvolgere 15.161, il 59,9% a Cremona e il 55% a Crema. E si tratta del bacino di vaccinandi più ampio in termini assoluti.

Intanto, se fino ai 19 anni si assiste ad una sorta di benvenuta corsa alla dose, è già consistente l’incremento che si registra fra i ventenni: più 2,9%, con i vaccinati passati da 21.373 a 22.007. Forbice positiva di 634 unità. E non è poco. Soprattutto se valutata nel complesso della copertura di quella fascia di età: è superiore al 60% a Cremona e superiore al 70 a Crema. Rimangono, anche qui, quelli da convincere: in tutto 11.386, 6.747 nel territorio di Asst Cremona e 4.637 in quello di Asst Crema.

I trentenni, per finire: danno il loro contributo a questa fase della campagna con un incremento complessivo di 580 vaccinati (+2,4%) e una copertura del 63,5%. All’obiettivo del 100% mancano 13.894 residenti in provincia fra i 30 e i 39 anni. Non sono pochi. Ed a loro, agli indecisi, che ci si deve rivolgere. Consapevoli che, ora, la circolazione del virus riguarda soprattutto le fasce più giovani, tra 10 e 29 anni». Lo ha confermato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, analizzando i dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia. Numeri. E non mentono.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iemmecr

    01 Agosto 2021 - 07:26

    Non capisco la riflessione del giornalista che considera inatteso il senso di responsabilità dei giovani, sono sicuro che se avessero potuto prenotarsi fin da aprile oggi avremmo statistiche ribaltate

    Report

    Rispondi