Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

COMMERCIO

A Casalmaggiore arriva il supermercato Aldi

Adesso non è più una «voce». Nel cantiere di via Galluzzi materiale intestato alla catena tedesca rimasta misteriosa

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

27 Luglio 2021 - 06:10

A Casalmaggiore arriva il supermercato Aldi

CASALMAGGIORE - La voce circolava da un po’, ma è sempre mancata, e manca ancora, l’ufficialità. Adesso però il nome Aldi — la nota catena alimentare — è scritto sul materiale da costruzione che è stato depositato nell’ex area Cobra, all’angolo tra via Galluzzi e la provinciale Sabbionetana, l’ultimo appezzamento rimasto libero del Piano per gli insediamenti produttivi Crocette dove sono in corso lavori per la realizzazione di un retail park, che significa «parco commerciale».

A maggio l’appezzamento di terreno, esteso su una superficie di 6500 metri quadrati, è stato sottoposto a opere di sbancamento e pulizia ed è stato recintato. Committente è la F.M. Immobiliare srl di Castiglione delle Stiviere, l’impresa è la Medini Costruzioni srl, sempre di Castiglione. Ora sono comparsi nel cantiere materiali destinati ad Aldi Casalmaggiore, com’è visibile dall’esterno: 13 bancali contenenti pannelli 60 per 60.

Tutta l’operazione prevede parcheggi e illuminazione a spese della proprietà, per un ammontare di 200 mila euro, con una fideiussione per opere aggiuntive, pari a circa 300 mila euro, a beneficio della comunità, com’è emerso in consiglio comunale: opere per 220 mila euro che risolvano le criticità presenti all’incrocio tra via Guerrazzi, via Roma, via Romani e via del Lavoro e sistemazione dei percorsi ammalorati in cotto in piazza Turati. Altri 80 mila euro, aggiuntivi rispetto ai 220 mila, dovranno essere usati per il commercio di prossimità.

Il gruppo Aldi, che ha avuto le sue origini nel 1913 ad Essen in Germania, si è via via espanso in vari Paesi europei ma anche in Cina e, dal 2018, in Italia. In Lombardia ha realizzato di recente uno store a San Giuliano Milanese, a Saronno, Monica del Garda e un secondo negozio a Brescia. Gli store in tutta Italia sono oltre cento — in Trentino Alto Adige, Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia — e aumentano con una media di tre nuove aperture al mese.

A partire dalle prime inaugurazioni, Aldi ha proseguito incessantemente il progetto di costruzione e ampliamento di una rete di negozi sempre più capillare, con una crescita organica nelle regioni del Nord Italia. Dal Comune le bocce sono sempre rimaste cucite in mancanza di una comunicazione ufficiale. L’ufficio stampa di Aldi, interpellato sul tema a maggio, aveva glissato: «Ringraziamo per il suo interesse nei confronti di Aldi. Qualora avessimo aggiornamenti, sarà nostra premura tenerla informato sul tema». Adesso il mistero è stato svelato dalle scritte che tutti possono vedere.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400