Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

RIFORMA DELLA SANITÀ

Potenziati OglioPo e rete territoriale: ecco il piano

Ortopedia avrà risorse proprie e un primario. E sarà «promosso» anche il Pronto soccorso

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

24 Luglio 2021 - 07:39

Potenziati OglioPo e rete territoriale: ecco il piano

CASALMAGGIORE - Si parla esplicitamente di “potenziamento dell’ospedale Oglio Po e della rete territoriale casalasco-viadanese” nella nota descrittiva degli aggiornamenti proposti al piano di organizzazione strategico aziendale vigente, approvata di recente dall’Asst di Cremona. Un documento che è stato preparato in attesa delle nuove linee guida regionali - presentate dal presidente Attilio Fontana e dall’assessore al Welfare Letizia Moratti a inizio settimana - per la definizione dei nuovi piani di organizzazione delle aziende e delle agenzie del sistema sociosanitario regionale. A firmare la nota è stato il direttore generale dell’Asst Giuseppe Rossi, acquisito il parere favorevole del direttore amministrativo Gianluca Bracchi, del direttore sanitario facente funzioni dell’Oglio Po Daniela Ferrari e del direttore sociosanitario Paola Mosa.

“Il potenziamento dell’ospedale Oglio Po - si legge - si concretizza attraverso l’istituzione di nuove strutture mirate a rendere l’organizzazione ospedaliera più solida e strutturata, a garanzia dell’erogazione di tutte le prestazioni sanitarie necessarie a soddisfare i fabbisogno di salute della popolazione afferente a quest’area territoriale”. 

In particolare sono previsti due “upgrading”, cioè due “promozioni” o “potenziamenti”. La struttura semplice dipartimentale di Ortopedia dell’Oglio Po diventerà struttura complessa: il che significa dotata di autonome risorse umane, tecniche e finanziarie, la cui gestione compete al relativo titolare, un primario. Il secondo salto di qualità è previsto per il pronto soccorso: da struttura semplice diventerà struttura semplice a valenza dipartimentale, quindi dotata di spazi di responsabilità ed autonomia, nonché di risorse economiche, umane e strumentali.

Sono indicate poi le istituzioni di tre strutture semplici: Proctologia, di pertinenza della struttura complessa di Chirurgia generale dell’Oglio Po; la Urologia dell’Oglio Po, afferente alla struttura complessa di Urologia dell’ospedale maggiore di Cremona e la Oculistica Oglio Po, connessa alla struttura complessa di Oculistica dell’ospedale Maggiore.

Va ricordato che a marzo è stato comunicato dalla Regione che all’Oglio Po andranno 10.793.000 euro per i lavori di adeguamento antisismico al Padiglione monoblocco e tecnologico e 5.838.000 euro per i lavori di prevenzioni incendi al Padiglione monoblocco e tecnologico. I tempi stimati per la realizzazione degli interventi è di cinque anni. I pazienti cremonesi beneficeranno anche degli investimenti che verranno effettuati a Bozzolo e Asola che beneficeranno rispettivamente di 11.819.712 e 10.699.935 euro per opere che riguarderanno anche in questo caso la prevenzione antincendio e l’adeguamento sismico.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400