Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SONCINO

Un regalo speciale per Fede, «top player del Baskin»

Sollevatore donato dalla KSP: consegna a sorpresa dei compagni di squadra e lacrime di gioia

Andrea Arco

Email:

andreaarco23@gmail.com

23 Luglio 2021 - 09:32

Un regalo speciale per Fede, «top player del Baskin»

SONCINO - Era cominciata come una classica mattinata, si è conclusa come una fiaba. Federico Vassalli, atleta 19enne diversamente abile e «top player» del Baskin Soncino (Campione della Coppa Italia), si alza e va in giardino. Ad attenderlo un’enorme sorpresa: c’è tutta la squadra davanti al furgoncino del team. Un telo si leva e poi si abbassa: dietro compare il Sollevatore Elettrico N315. Gliel’ha regalato la ditta KSP di Bevagna, in provincia di Perugia, grazie all’interessamento dei soncinesi che ogni giorno tirano a canestro con Fede. Lo strumento di assistenza quotidiana, molto costoso, ora è tutto suo. Lo agevolerà nei movimenti quando non utilizza la carrozzina. Lacrime, commozione e tanti sorrisi. Ancora una volta i biancorossi si sono dimostrati ‘mvp’ anche fuori dal campo.


Vincere la Coppa Italia è certo una grande impresa. Ricostruire un campetto da basket degradato e restituirlo ai ragazzi delle periferie è altrettanto coraggioso. Ma non è questo che fa dei giocatori soncinesi dei veri campioni. Non solo. L’essenza del Baskin Soncino è tutta racchiusa in una storia di solidarietà e generosità che ha avuto il suo lieto fine nei giorni scorsi e che solo ieri è stata resa pubblica. A raccontarla, i protagonisti: «Domenica mattina abbiamo deciso di radunarci e presentarci (ad insaputa sua e della sua famiglia) a casa del nostro compagno di squadra Federico. Proprio mentre Fede era ancora nel mondo dei sogni, e mentre il papà stava girando, come ogni domenica, per le strade della provincia in sella alla sua bicicletta. Eravamo lì per consegnare a Federico un sollevatore elettrico donato a titolo del tutto gratuito da KSP Italia, che ha deciso di offrire anche gli interventi di manutenzione ordinaria (necessari per il corretto mantenimento del presidio nel corso del tempo) per i primi 24 mesi». Spontaneità, altruismo e inclusione. Insomma, la formula per creare una vera squadra

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400