Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: GLI ANGELI DELL'HUB

SiamoNoi Onlus, il 'grazie' nella notte-tributo ai preziosi volontari

Emozioni al Cambonino per la festa del sodalizio guidato da Bodini. Tra gli ospiti il prefetto Gagliardi e l'assessore regionale Foroni

Nicola Arrigoni

Email:

narrigoni@laprovinciacr.it

18 Luglio 2021 - 23:24

SiamoNoi Onlus, la notte-tributo ai preziosi volontari dell'hub

Claudio Bodini con Marco Bencivenga

CREMONA - Gli sguardi dei volontari, lo stupore di ri-vedersi a viso pieno e la sensazione di non riconoscersi senza mascherine, la voglia di stare insieme e fare comunità sull’aia della cascina del Cambonino — museo della civiltà contadina — hanno reso unica la serata di ringraziamento ai volontari della Onlus SiamoNoi, impegnati quotidianamente presso l’hub vaccinale della fiera, presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Cremona e presso Cremona Solidale. Ed è «grazie» la parola che più è ritornata nella cena sotto le stelle a base di spiedo bresciano, cucinato dai volontari dell’associazione Amici della chiesetta di San Rocco di Pontevico, e allietata dalle esibizioni della Compagnia dell’Ago e del Teatro Danza. A fare gli onori di casa è stato il presidente Claudio Bodini che ha voluto sintetizzare l’impegno dei volontari da marzo a oggi nella cifra di 62.880 ore uomo, ovvero il tempo messo a disposizione dai volontari nell’hub vaccinale. E così Bodini ha voluto premiare con una targa istituzioni, associazioni, volontari, ovvero quella macchina unica e perfettamente oliata che ha permesso di affrontare l’emergenza pandemica. «Senza i volontari e senza la generosità dei cremonesi avremmo perso più di qualche colpo in questo difficile mese — ha detto il prefetto Vito Danilo Gagliardi —. Si è realizzata una sinergia unica e preziosa fra istituzioni e volontariato in questo tempo difficile».

L'assessore regionale Pietro Foroni, Claudio Bodini e il prefetto Vito Danilo Gagliardi

Così pure l’assessore regionale al Territorio e alla protezione civile Pietro Foroni ha parlato del volontariato come elemento indispensabile per la gestione delle emergenze, anticipando il progetto di legge dedicato alla protezione civile e al volontariato, volto a regolamentare il settore. Alla capacità di fare squadra si è richiamato spesso Bodini nel ringraziare la dedizione di tutto il personale dell’Asst e ha voluto premiare Antonella Laiolo, responsabile del settore vaccinale, che non ha faticato ad ammettere che tutto quello che si è fatto all’hub non si sarebbe potuto fare senza l’apporto dei volontari, mentre Giampietro Morstabilini, dirigente delle professioni sanitarie dell’Asst, ha parlato di «esperienza unica e carica di umanità», tradendo un po’ di emozione. Salvo Mannino, direttore generale dell’Ats Val Padana, si è commosso parlando dell’impegno delle 150 persone che hanno lavorato nell’emergenza pandemica. E il sindaco Gianluca Galimberti ha portato a sintesi ciò che molti cremonesi hanno provato all’hub vaccinale e dedell’approccio del volontari: «Efficienza, umanità e gli sguardi accoglienti dei volontari sono gli aspetti che tanti cremonesi hanno rilevato e che ho condiviso anche io. C’è stata una capacità di collaborazione preziosa e unica che ci rende un po’ tutti orgogliosi». In questo determinanti sono stati i tutor che hanno guidato i volontari di SiamoNoi, punto di riferimento per tutti, angeli custodi dei volontari che hanno coordinato ogni turno con dedizione e competenza. Poi Caludio Bodini ha voluto riconoscere l’impegno delle associazioni che hanno contribuito ad affincare e sosterene l’esperienza dell’hub. Per questo Bodini ha chiamato i rappresentanti dei Rotary Club cremonesi e proprio i club di servizio, rappresentati da Elisa Restuccia e Cristina Coppola, hanno consegnato all’associazione Siamo Noi la «Family and Community Service Award», per essersi distinta in opere meritorie per l’intera comunità. Claudio Bodini ha inoltre premiato e ricordato «l’impegno dei Lions, l’apporto dell’Auser, l’associazione degli Alpini, i volontari di tutte le Croci — ha detto —, senza questa quadra di volontari tutto quello che si è fatto insieme non sarebbe stato possibile». 

E nel coinvolgimento della comunità un ruolo importante è stato ricoperto dai media: il giornale «La Provincia» e «Cremona 1» il cui impegno è stato sottolineato da Bodini: «L’appoggio dei media è stato importante — ha detto —. Quando ho chiamato il direttore de La Provincia Marco Bencivenga per chiedergli una mano, ha fatto di più: si è messo in gioco come volontario». E Bencivenga ha detto: «Ho avuto modo di conoscere tanta gente, prima di me mia moglie ha iniziato a fare la volontaria, ma le donne sono sempre avanti — ha detto —. Ho visto tante persone, mi sono rimasti impressi gli sguardi, ma anche le mani che raccontavano le storie delle persone, soprattutto nei più anziani. Ho imparato a essere cremonese». Alle premiazioni hanno fatto seguito le esibizioni canore e di danza del gruppo di musicisti della Compagnia dell’Ago e di Teatro danza, poi l’estrazione della lotteria. Fra i tenti premi in palio anche due abbonamenti online del giornale «La Provincia» e per tutti gli ospiti un gadget offerto da Odontoiatrica Cremonese.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400