Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA. COSMESI PROTAGONISTA

Il «Polo» sconfigge la crisi: più aziende associate e utile

L’assemblea dei soci ha ratificato il bilancio, il presidente Moretti: «Ulteriori prospettive di crescita»

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

30 Giugno 2021 - 21:18

Il «Polo» sconfigge  la crisi: più aziende associate e utile

Il presidente Matteo Moretti

CREMA - Aumenta il numero di aziende associate e aumenta l'utile di esercizio. Nonostante la pandemia, il Polo della Cosmesi conferma la sua centralità nella filiera produttiva cosmetica, forte di un nutrito gruppo di nuovi soci, di un solido programma di formazione e di una crescente presenza internazionale. È questo quanto emerso dall’assemblea ordinaria dei soci.

Per quanto riguarda le new entry, nel primo semestre del 2021 sono entrati a far parte del Polo 19 aziende. Antares Vision, Cartongraf, Contecolor, Deustour, Environ-Lab, Forever D&C Cosmetics, G&G Pet Food, Job on Beauty, Keminova, Livingcap, Lunati & Mazzoni, RCM Rossignoli, Rödl & Partner, Rossetti Group, Sibilio Consulenze, Trescal, V-Drop, Viroplastic e Wall Street English

La rete ad essere la cifra distintiva del Polo perché la collaborazione tra Pmi permette di dare valore alle proprie relazioni

L’ingresso nell’associazione di nuove realtà, alcune legate al mondo dei servizi, testimonia il crescente ruolo assunto dal Polo come networking in grado di stimolare il dialogo e il confronto tra le imprese. Un riconoscimento importante del lavoro svolto dal Direttivo guidato dal presidente Matteo Moretti che, in apertura dei lavori, ha voluto sottolineare come sia proprio “la rete ad essere la cifra distintiva del Polo perché la collaborazione tra Pmi permette di dare valore alle proprie relazioni, di condividere esperienze e best practice, e di creare occasioni di riflessione e di dibattito. Entrare a far parte di una comunità come la nostra significa poter crescere all’interno di un’efficace sistema professionale e potersi confrontare con le tendenze e le esigenze del mercato a più livelli”.

Approvati all’unanimità i bilanci: nonostante per il mercato i mesi passati siano stati tra i più difficili degli ultimi anni, il Polo chiude l’esercizio 2020 in positivo con un utile di oltre 100 mila euro, mentre si prospetta una performance in crescita anche sul 2021.

L’assemblea è stata l’occasione anche per fare il punto sulla formazione, alla quale il Polo ha dedicato ampio spazio costruendo un calendario di appuntamenti ricco e articolato. Solo nell’ultimo anno, sono stati attivati oltre 60 corsi online, con più di 2.500 partecipanti e un’altra trentina è già pianificata per il secondo semestre. «Un numero davvero impressionante che testimonia quanto l’associazione creda nella formazione per aumentare la competitività delle aziende, per migliorare la produttività e per supportare l’export».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400