Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE-VIADANA

Due cortometraggi sulla natura finalisti al Contest Coltiva Corti a scuola

L’obiettivo del progetto è sempre quello di sensibilizzare sull’importanza della tutela dell’ambiente

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

17 Giugno 2021 - 13:49

Due cortometraggi sulla natura finalisti al Contest Coltiva Corti a scuola

CASALMAGGIORE-VIADANA - Due cortometraggi prodotti nella zona Oglio Po - in particolare “Api che passione! Beeschool Project” realizzato dall’Istituto comprensivo “G. Marconi” di Casalmaggiore con la regia di Francesco Argento e “Tra passato e futuro…c’è del tenero”, a cura dello Ial Lombardia sede di Viadana, con la regia di Stefano Priori - sono tra i sei finalisti del Contest “Coltiva Corti a scuola”, una iniziativa realizzare nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione e organizzato dalla Compagnia Genitori Instabili di Casalmaggiore, l’Alveare Cinema, Alveare per il sociale e Kyoto Club con il patrocinio del Comune di Tuscania.

“Quest’anno - spiega Valter Cavalli, ‘anima’ e portavoce dei Genitori Instabili - il tradizionale festival dei corti si tiene nella sua parte scolastica e per una volta la sede non sarà a Casalmaggiore ma a Tuscania, in provincia di Viterbo. L’obbiettivo è sempre quello di sensibilizzare sull’importanza della tutela dell’ambiente e di una agricoltura sostenibile”.

In tal senso si pongono i due cortometraggi in gara. Quello dell’Istituto Marconi racconta il progetto scolastico “Api che passione” e fa riferimento ai contenuti etici dell’educazione ambientale e così anche l’ambiente, con l’educazione civica, può salire in cattedra. In questo modo gli alunni vivono il “prendersi cura” dell’ambiente circostante come azione che promuove cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti sia a livello individuale che collettivo comprendendo le interrelazioni fra uomo, natura e processi naturali. Le azioni progettuali, poste in essere con attività laboratoriali, garantiranno la formazione fondamentale per perseguire non solo conoscenze, competenze e consapevolezze ma un concreto, pratico, agito comportamento di salvaguardia del pianeta.

L’opera girata a Viadana è ambientata in pianura padana, nel futuro. Si immagina che a seguito di un evento nefasto il mondo non torni più come prima. Molte cose restano uguali ma altre cambiano irrimediabilmente. La storia e l’ambientazione fantascientifica è il pretesto per parlare di temi quali la salvaguardia della natura, la conservazione delle specie e soprattutto la necessità di trasmettere le nozioni e non disperdere le conoscenze.

La proiezione con la conclusione dell’iniziativa si terrà da giovedì 24 a sabato 26, al teatro Pocci di Tuscania. Venerdì alle 10 è prevista una colazione con Valter Cavalli, imprenditore agricolo e pioniere del biologico. Alle 21 in teatro saranno proiettati i cortometraggi, introdotti da Matteo Uccellini. Sabato alle 12, all’azienda agrituristica “La Castelluzza” è in programma una sfida tra due cucine: quella del Distretto Oglio Po, che porterà come piatto forte i tortelli di zucca, e Tuscia, con i suoi gnocchi di patate. Alle 15.30  viaggio tra profumi, odori e sapori della natura, dedicato ai giovanissimi, in collaborazione con l’apicoltore Damiano Chiarini di Fossacaprara. La serata finale, condotta da Matteo Uccellini e Tiziana Bagatella, inizierà alle 21. “Invito tutti a votare i nostri cortometraggi”, dice Cavalli. Il link è http://www.alvearecinema.it/contest-coltivacorti-a-scuola-2/?contest=videos

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400