Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Folla e commozione per l'ultimo saluto a Marcello Caldonazzo

Al termine del rito sono stati i nipoti Marcello, Leonardo, Giovanna e Mirella a portare ognuno la propria breve e commossa testimonianza sul nonno

Gianpiero Goffi

Email:

redazione@laprovinciacr.it

16 Giugno 2021 - 17:28

Folla e commozione per l'ultimo saluto a Marcello Caldonazzo

CREMONA - Erano rappresentate un po' tutte le componenti della comunità e dell'economia cremonese questa mattina in Cattedrale per le esequie di Marcello Caldonazzo, il decano dei commercialisti, morto a 89 anni all'Ospedale Maggiore nella notte fra domenica e lunedì. Molti coloro che hanno voluto manifestare, al termine della celebrazione, il loro cordoglio alla signora Mirella, ai figli Mariacaterina, Mario e Marialuisa, ai cognati Giovanni e Luciana Arvedi. Tra i presenti anche il sindaco Gianluca Galimberti e il presidente dell'Ordine dei commercialisti Sergio Margotti.

La messa esequiale è stata presieduta da don Antonio Bandirali, parroco dell'Unità pastorale, e concelebrata, fra gli altri, dai canonici Giuseppe Soldi e Antonio Trabucchi con il presidente monsignor Ruggero Zucchelli e il rettore della Cattedrale monsignor Attilio Cibolini, dal parroco di Sant'Abbondio don Andrea Foglia.

L'omelia è stata affidata a don Alberto Mangili, parroco di Bosco ex Parmigiano e cappellano della Cremonese, molto vicino al defunto. Dando voce al dolore (sentimento oggi spesso “censurato” ma pienamente umano) e alla speranza cristiana di quanti gli hanno voluto bene, don Mangili si è soffermato – anche con un'appropriata citazione di Sant'Anselmo d'Aosta - sulla fede e la spiritualità eucaristica di Marcello Caldonazzo, sul suo profondo amore per la famiglia e sulla sensibilità che nutriva per la bellezza in tutte le sue forme, riflessa in particolare nell'arte, nella letteratura e nella musica. Era – ha ricordato – un grande lettore di libri e gli piaceva conversare con gli amici rendendoli partecipi di quanto ricavava dalle proprie letture. Al termine del rito sono stati i nipoti Marcello, Leonardo, Giovanna e Mirella a portare ognuno la propria breve e commossa testimonianza sul nonno, sui valori che ha trasmesso e lasciato nelle loro vite. Infine Mariacaterina Caldonazzo ha espresso il ringraziamento per la vasta e sentita partecipazione al lutto dei figli e della famiglia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400