Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SCUOLA

Nutrire ed educare: mense scolastiche di Cremona al top

Emerge da un'indagine Foodinsider-Slow Food Italia

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

16 Giugno 2021 - 14:55

Nutrire ed educare:  mense scolastiche di Cremona al top

CREMONA - Si trovano a Cremona, Fano e Parma le mense scolastiche più virtuose, seguite da Jesi, giunta seconda nella classifica delle migliori e ufficializzata con la presentazione oggi a Roma, presso la Camera dei Deputati, del 6° Rating dei menu scolastici di Foodinsider, realizzato in collaborazione con Slow Food Italia.

Lo studio, supportato nel complesso da un’indagine dall’Osservatorio sulle mense scolastiche Foodinsider, ha avuto lo scopo di promuovere e rendere visibili quei modelli di mensa che non hanno l’obiettivo di saziare, ma di nutrire, educare, creare sviluppo economico e sociale nel rispetto dell’ambiente. Con la classifica diffusa emerge che Bologna entra nella top ten ma scende Macerata che ha iniziato a chiudere alcune ( «in via sperimentale") cucine interne alle scuole, «suscitando- segnalano i ricercatori- grande disappunto dei genitori», mentre Siracusa, sale di 12 posizioni riscattandosi dalla maglia nera dello scorso anno. Tra le note non positive dell’indagine emerge che «sono sempre di più i menu che offrono cibi processati e ultraprocessati, passando dalla percentuale del 75,5% dello scorso anno all’81,5% di quest’anno.

«Un dato- viene spiegato con l’indagine- che va di pari passo con l’aumento della frequenza di carni rosse con Terni che detiene il record di 10 proposte su 20 giorni di mensa». Gli analisti sottolineano inoltre che «le mense diventano sempre più una collezione di piatti veloci che hanno l'obiettivo di saziare, come pasta in bianco, pizza, bastoncini, hamburger, crocchette, formaggio spalmabile yogurt e budino e rappresentano sempre meno la vera mensa scolastica che ha insito l'onere di educare, oltre che nutrire». Poche infine le mense che di fronte «ad una dilagante povertà alimentare», che colpisce più di un bambino su 10, ha utilizzato il servizio di ristorazione scolastica per far fronte in maniera strutturale alla fragilità delle famiglie

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400