Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PIEVE SAN GIACOMO

E il suono delle campane di notte diventa un caso

Don Valsecchi durante la messa: «C’è chi si lamenta, ora non suoneranno più»

Alessandro Botta

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

07 Giugno 2021 - 08:44

E il suono delle campane di notte diventa un caso

Don Valsecchi e la chiesa di Pieve S. Giacomo

PIEVE SAN GIACOMO - Il suono della campane suscita alcune lamentele tra i cittadini. Tanto che il parroco don Alfredo Valsecchi ha parlato dell’argomento anche ieri mattina durante la messa delle 10 a Gazzo e durante la celebrazione delle 11 a Pieve San Giacomo. Ma la polemica, diventata argomento di discussione al termine delle celebrazione e durante il pomeriggio, rientra già in serata: «Ho ricevuto delle lamentele per il suono delle campane – commenta don Valsecchi – e ho detto che verificavo la cosa. Ma sbadatamente quando la Diocesi ha inviato, ai primi di maggio, il decreto relativo agli orari del suono delle campane io avevo il computer che non funzionava. Non ricevevo le email. Quindi sbadatamente non ho più visto quella specifica comunicazione mail. Ora contattato il vicario del vescovo e appurato il tutto, informo che la situazione campane verrà sistemata secondo il decreto del vescovo Antonio Napolioni. C’è stato un errore mio in questo caso in quanto, per via della problematica già spiegata, non ho attuato il decreto. Ecco il motivo delle lamentele: il suono delle campane è consentito dalle 7 del mattino alle 21, mentre non ci possono essere rintocchi nelle ore notturne».

Il ‘caso’ campane è dunque stato chiarito. Questo in quanto il tam tam mediatico l’aveva presto fatto diventare un argomento di discussione in paese (e anche sui social), di famiglia in famiglia. Niente di grave ma un argomento che fa discutere, come sempre quando di mezzo ci sono le campane. E nello specifico alcuni residenti, sia di Gazzo che di Pieve, hanno lamentato disagi relativi al disturbo arrecato dai rintocchi stessi. Comunicazione che è stata data ieri dall’altare, dal sacertote, durante le due messe. C’è chi è rimasto colpito dalla cosa, chi l’ha presa come spunto di riflessione e chi invece si è stupito della particolare annotazione fatta da alcuni concittadini in quanto il suono delle campane viene da sempre considerato come un aspetto tradizionale che appartiene alla vita della comunità, radicato nella cultura popolare in quanto simbolo religioso ma anche sempre pronto a scandire momenti della giornata e particolari avvenimenti o celebrazioni.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lambri.ivana

    07 Giugno 2021 - 09:46

    per me è una STUPIDATA ! LE CAMPANE AL SUO SUONO CI SI ABITUA BUONGIORNO

    Report

    Rispondi