Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: I GIOVANI

Nasce Stradio: il mondo scolastico cremonese ha la sua prima web radio

All'istituto Stradivari un nuovo progetto nato sulla scia dei podcast realizzati durante il lockdown

Fabio Guerreschi

Email:

fguerreschi@laprovinciacr.it

05 Giugno 2021 - 06:52

Nasce Stradio: il mondo scolastico cremonese ha la sua prima web radio

CREMONA - Dai podcast alla webradio. È il passo fatto dagli studenti dell’Istituto Stradivari di Cremona che hanno deciso di trasformare la pandemia in un’opportunità, di cogliere una sorta di eredità che il Covid sta lasciando e tramutarla in una possibilità di espressione, di confronto e di dialogo. Lo spirito dei podcast — fatti l’anno scorso durante il primo durissimo lockdown —, non si è perso, ma ha trovato nuova forza ed energia. Grazie alla collaborazione della scuola — che raggruppa Liceo musicale, Liceo artistico, Liuteria, Moda e Arredo — è nata Stradio (www.stradio.it), la prima webradio di un istituto scolastico della città. Oltre ai podcast ci sono dirette, rubriche, interviste, una programmazione delineata e una redazione che lavoro incessantemente dietro i microfoni. Un progetto cresciuto con l’apporto degli studenti dei vari indirizzi e con il contributo dell’istituto che ha investito nel progetto con attrezzature tecniche, formazione, software per la programmazione musicale, Siae.


La radio trasmette 24 ore su 24 e sulla «lunghezza d’onda» di Stradio sono già stati intervistati il percussionista Simone Rubino, il pianista Cesare Picco, il baritono del coro della Cappella Sistina Augusto Garay, il musicista cremonese Andrea Torresani, il direttore della scuola internazionale di Nairobi realizzata dall'associazione Still I Rise di Nicolò Govoni, Andrea Volpe. E dietro i microfoni e davanti alle console ci sono Fabio Stabile, Diego Gennari, Malina Curut, Angela Fontanarosa, Lorenzo Lo Conti, Giulia Farina, Fabian Hocke, Marc Syenin, Elettra Acerbi, Gabriela Condulet, Iris Zanicotti, Nicole Neva, Laura Galletti. «La radio — racconta Stabile, uno degli speaker — è partita il 9 maggio con la prima trasmissione in diretta. Tramite l’Instagram della radio abbiamo lanciato alcuni sondaggi riguardanti il cinema. Poi in diretta Elettra e io li abbiamo commentati. Da quel momento abbiamo proseguito, proponendo altre tematiche sempre legate al mondo dell’arte. Perché Stradio, visto anche la scuola che frequentiamo, tratta solo argomenti legati all’arte». Da quella prima diretta la passione non si è più fermata e se i podcast erano stati una necessità, un’espressione del proprio disagio nel lockdown, la radio diventa una vocazione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400