Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE

Gev di Casalmaggiore: «Scaricate e ignorate»

Il raggruppamento doveva rientrare nel servizio provinciale: «Nemmeno ricevuti»

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

26 Maggio 2021 - 06:39

Gev di Casalmaggiore: «Scaricate e ignorate»

CASALMAGGIORE - «Il territorio del Casalasco, interrotti i servizi Gev (Guardie ecologiche volontarie) del raggruppamento dei Comuni di Casalmaggiore, Martignana di Po e Rivarolo del Re, rientra nell’ambito del servizio Gev della Provincia di Cremona».
Lo dice l’assessore regionale all’Ambiente e al Clima Raffaele Cattaneo, in risposta all’interrogazione del 17 marzo scorso del consigliere regionale Marco Degli Angeli (M5S), che aveva chiesto un aggiornamento sul tema. La precisazione di Cattaneo ha suscitato una immediata presa di posizione di una Gev, Francesca Isidori, che ha scritto una lettera al Presidente della Repubblica, al ministro degli Interni, al prefetto di Cremona, al prefetto di Milano, al procuratore di Brescia, al presidente della provincia di Cremona, al sindaco e al segretario comunale di Casalmaggiore per chiedere che sia ufficializzato il passaggio delle Gev nell’orbita della Provincia di Cremona.

Degli Angeli aveva posto vari quesiti. Con il primo chiedeva «se Regione Lombardia ritenga legittima l’attribuzione al Comune di Casalmaggiore di ente organizzatore delle Gev dal 2016 al 2019, ovvero nel lasso di tempo intercorso tra la scadenza della convenzione con i Comuni di Martignana di Po e Rivarolo del Re e la Comunicazione a Regione Lombardia della cessazione di funzione di ente organizzatore».

«Il comune di Casalmaggiore — ha detto Cattaneo — era amministrazione capofila del raggruppamento, costituitosi il 22 dicembre 2010, che comprendeva anche Martignana di Po e Rivarolo del Re. Con nota del 21 settembre 2019 il sindaco di Casalmaggiore ha comunicato alla Direzione Generale Ambiente e Clima di Regione Lombardia la cessazione della funzione di ente organizzatore delle Gev; in particolare i Comuni di Martignana di Po e Rivarolo del Re non hanno manifestato la volontà di rinnovare la convenzione – scaduta — stipulata il 22 dicembre 2010. Con nota del 20 novembre 2019 il dirigente della struttura regionale ha preso atto della cessazione delle funzioni di ente organizzatore, chiedendo al comune di ‘comunicare la data ultima di effettiva operatività del servizio di vigilanza ecologica del raggruppamento di comuni con capofila Casalmaggiore, insieme alla data di scadenza della convenzione’. Con nota del 10 dicembre 2019, il comune di Casalmaggiore ha comunicato a Regione Lombardia che il servizio volontario di vigilanza è comunque proseguito regolarmente fino al 26 febbraio 2019, data in cui i servizi Gev si sono di fatto interrotti. Il comune ha presentato regolarmente all’amministrazione regionale la rendicontazione richiesta».

Dal canto suo Isidori nella sua lettera richiama il fatto di aver operato con nove colleghi come Gev, e di aver chiesto, senza ottenerli, chiarimenti sul mancato rinnovo del decreto di guardia giurata, dopo il ritiro del tesserino prefettizio e di non aver ottenuto risposte alle richieste di incontro in Provincia. Sulla base della risposta regionale chiede di dare seguito al passaggio delle Gev nell’ambito provinciale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400