Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA: LA SFIDA

«Ho realizzato il sogno di un lavoro sempre diverso»

La 28enne cremasca Annachiara Tagliaferri fonda un’impresa specializzata nel settore audiovisivi

Dario Dolci

Email:

redazione@laprovinciacr.it

13 Maggio 2021 - 06:33

«Così ho realizzato il lavoro che dei miei sogni»

Annachiara Tagliaferri, cremasca di 28 anni

CREMA - Essere imprenditrice a 28 anni durante il lockdown. È quanto accaduto alla cremasca Annachiara Tagliaferri, una dei sempre più numerosi giovani che cavalcano le opportunità offerte dalla tecnologia applicata all’industria del divertimento: gaming, streaming e tutto il mondo della musica. Ci sono settori che non temono nemmeno il Covid: esci dalla scuola e lavori. A ogni livello. L’Accademia che ha formato Annachiara è il Sae Institute, presente con oltre 50 Campus in 26 Paesi e con sede italiana a Milano. L’industria dei creative media è un mondo ancora relativamente poco conosciuto. Annachiara e Federico Di Liddo, ex allievi Sae, hanno aperto quattro anni fa la loro casa di produzione, Sidereus, con tre dipartimenti a Milano: production, produzioni audiovisive di professionisti del settore cinematografico (cortometraggi, documentari, spot, business movie) e noleggio di attrezzature per il film making; produzioni audiovisive per aziende a bassa progettualità (corporate, video aziendali, trailer di eventi, videointerviste). I clienti, in questo caso, sono grandi marchi dei vari settori, dalla moda allo sport, alla formazione. Annachiara svolge anche attività accademica: ha pubblicato il suo primo volume Quality Series (Aracne Editrice), uno studio sul linguaggio cinematografico nelle serie televisive. Il libro era stato presentato anche a Crema lo scorso autunno. «Da bambina — racconta la giovane cremasca — dicevo che avrei voluto fare un lavoro diverso ogni giorno. Ci sono riuscita. Ho la fortuna di operare in una professione appassionante, divertente, che mette sempre a confronto con scenari differenti».

UNA SFIDA CON SE STESSI

Annachiara ha conseguito il diploma di liceo artistico, poi la laurea triennale in Lettere e Filosofia, corso in Scienze politiche per la comunicazione. «In realtà ho concluso il percorso in due anni perché volevo dedicarmi ai corsi Sae. Ho studiato Digital film production e sceneggiatura, conseguendo un Bachelor of Arts. È una specializzazione per la quale lo studente costruisce il pacchetto di corsi in autonomia. È una sfida con se stessi. Alla fine si ottiene un riconoscimento internazionale». Prima di aprire la Sidereus, era assunta in un’associazione teatrale. Si è licenziata prima di finire il master per fare l’imprenditrice.
«Dalla Sae attingiamo gli stagisti e i collaboratori, perché andiamo sul sicuro e perché il sistema di apprendimento Project based learning è il migliore».
L’attività praticata dalla giovane cremasca unisce creatività e tecnologia. Il settore in cui opera è in notevole crescita, in Europa ma anche in Italia, dove le persone impiegate nel comparto culturale e creativo sono 835 mila, 46 mila in più rispetto al 2014.
Le figure più richieste sul mercato sono i tecnici esperti in applicazioni audio, video e gaming.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400