Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASTELVERDE

Festa per i 100 anni, ma dietro il plexiglass della Rsa

Per Ester una gioia a metà: i parenti hanno potuto salutarla soltanto a distanza

Email:

redazione@laprovinciacr.it

11 Maggio 2021 - 09:05

Festa per i 100 anni, ma dietro il plexiglass della Rsa

Ester Molesini ha anche sconfitto il Covid

CASTELVERDE - Una festa in forma ristretta, separati da un vetro in plexiglass. Ester Molesini ha tagliato il traguardo del secolo di vita spegnendo 100 candeline all’interno della casa di riposo Opera Pia Santissimo Redentore di Castelverde.
Nata nel 1921 a Pieve d’Olmi, ha trascorso la sua giovinezza a Stagno Lombardo sino a quando, nel 1960 si è trasferita nell’abitazione dove è vissuta sino all’età di 98 anni in via Castelleone a Costa Sant’Abramo. Una donna d’altri tempi, con una grandissima forza d’animo e un coraggio non indifferente. Nel 1944 si è sposata con Erminio Galli e, assieme al marito si è sempre occupata della coltivazione della terra. Una donna molto attiva che non si è mai lasciata abbattere dalle difficoltà, nonostante sia rimasta vedova piuttosto presto. Ha vissuto gli anni, terribili, della seconda Guerra Mondiale, che ricorda ancora con molta lucidità. Da giovane ha imparato a cucire, un’arte e una manualità che ha sempre mantenuto nel corso della sua esistenza, tanto che per un periodo ha fatto anche la sarta sia da uomo che da donna.

Ha aiutato il marito nella coltivazione della terra, oltre ad essere un’ottima cuoca ed è stata una mamma e una nonna

Ester ha battuto anche il Covid: per dieci giorni lo scorso anno ha avuto la febbre a 40

esemplare. Ha aiutato i figli Giovanna e Giuseppe nell’accudimento dei tre nipoti. «Noi lavoravamo – racconta la figlia Giovanna – e la nostra mamma ci ha aiutato tantissimo». Un rapporto molto stretto, quello che ha sempre legato questa famiglia. Ester è stata nella sua abitazione sino a due anni fa, quando purtroppo le condizioni di salute hanno costretto i familiari a prendere la decisione di farla entrare in una struttura specializzata nell’assistenza continuativa, soprattutto dal punto di vista medico. Da oltre un anno purtroppo il legame quotidiano di presenza fisica che hanno sempre mantenuto anche dopo il trasferimento in Rsa si è interrotto a causa dell’emergenza sanitaria. «La vediamo in video chiamata, ma non è la stessa cosa». E proprio per festeggiare il suo compleanno è stato organizzato un incontro protetto. Inoltre presso il reparto in cui è ospite è stata offerta una torta dalla cooperativa Serenissima che si occupa del servizio di ristorazione. Il segreto per arrivare a 100 anni? «Una vita sana, attiva e tanto coraggio. Non bisogna mai arrendersi». Ed Ester non si è proprio mai arresa, battendo anche il Covid. Per dieci giorni lo scorso anno ha avuto la febbre a 40, ma anche in quel caso ha vinto e l’ha superato brillantemente.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400