Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Piscina comunale: «Subito i soldi alle società di nuoto»

Il presidente della commissione sportiva: costretti ad allenarsi altrove, costi lievitati

04 Maggio 2021 - 07:31

Piscina comunale: «Subito i soldi alle società di nuoto»

L'interno piscina comunale di Crema

CREMA - Anche la commissione comunale sport si è interessata alla situazione del centro natatorio di via Indipendenza, il cui gestore, la società Sport Management di Verona, ha chiesto il concordato preventivo al tribunale. In attesa che il giudice si pronunci, sulla base del piano concordatario presentato dalla Spa veneta, la commissione ha voluto esporre al sindaco Stefania Bonaldi e al consigliere delegato allo sport Walter Della Frera, le difficoltà nelle quali si dibattono le società di nuoto (Rarinantes e Crema Nuoto) e di sub. «Queste società – spiega il presidente della commissione Eugenio Campari – stanno incontrando dei problemi di ordine logistico e economico. Da mesi, ormai, sono costrette ad allenarsi in piscine di altri centri, come Lodi, Cremona e Pandino, con disagi e aumenti di costi. Inoltre, i loro dirigenti lamentano il fatto che una elevata percentuale di atleti ha rinunciato ad allenarsi».
Per questo motivo, la commissione sport ha proposto all’amministrazione comunale di dare un sostegno. «Abbiamo chiesto al sindaco se fosse possibile dare un contributo a queste società per andare loro incontro per le spese affrontare e inattese. Ha detto che valuterà se ciò è possibile. Per il resto, siamo tutti in attesa di vedere come andrà a finire con Sport Management. Finché il tribunale non si sarà espresso, occorre aspettare». La decisione del giudice è attesa per fine settimana. Se il piano concordatario verrà accettato, Sport Management dovrà riaprire gli impianti in sua gestione, quello di Crema compreso. In teoria, le piscine all’aperto potrebbero ripartire già da sabato 15. Intanto, il Comune di Cividale del Friuli la cui piscina è gestita da Sport Management, ha avuto un incontro nei giorni scorsi con i vertici della società veronese, che avrebbe spiegato di aver trovato un acquirente che rileverà il ramo d’azienda. Lo stesso Comune sta vagliando le condizioni che sono state proposte per il subentro. Se così fosse, potrebbero esserci presto novità anche per gli altri centri.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400