Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. IL CASO

Montini: «Io sono allibito dalle illazioni di Berti»

Il presidente delle Rsa sul consenso informato: «Siamo stati ligi nell’applicare la normativa»

Francesca Morandi

Email:

fmorandi@laprovinciacr.it

30 Aprile 2021 - 07:03

Montini: «Io sono allibito dalle illazioni di Berti»

CREMONA (30 aprile 2021) - Difficile immaginare «allibito» un politico di lungo corso come lo è stato Walter Montini, senatore della Dc, braccio destro di Giulio Andreotti, capo di Gabinetto dell’ex sindaco Oreste Perri. Dal 2015, è il presidente dell’Arsa, l’Associazione che raggruppa le trenta Rsa della provincia. Ed è in tale suo ruolo che dice: «Io sono allibito». A lasciarlo sbigottito sono le parole uscite dalla bocca di Francesco Berti, il medico che otto esposti presentati all’Asst e girati all’Ordine dei medici, accusano di essere un medico no vax arruolato ai box dell’hub vaccinale di CremonaFiere, rimosso e assegnato all’ambulatorio in via Belgiardino («rinchiuso in uno sgabuzzino»), solo quando lui è diventato un caso finito su La Provincia.

Le parole del medico che hanno lasciato allibito il presidente Montini. «Tutte le persone vaccinate nelle Rsa erano davvero così capaci di intendere e di volere che volevano il vaccino? Chi ha firmato per loro era in grado di firmare? Noi abbiamo delle responsabilità allucinanti».

«Sono allibito». Il presidente Montini smonta il medico Berti. «Siamo stati veramente ligi nell’applicare la normativa. Nei casi di pazienti capaci di intendere e di volere, sentivamo addirittura i familiari. Spesso erano i familiari che venivano a dirci: ‘Mi raccomando vaccinateli’. E parliamo di ospiti in grado di intendere e di volere. Idem per quanto riguarda gli amministratori di sostegno che per legge hanno la tutela dell’anziano. Poi c’era la normativa elaborata dal tribunale». 

«Noi abbiamo applicato pari pari per quanto riguarda gli ospiti quello che la normativa prevedeva - prosegue Montini—. Tant’è vero che in alcuni casi se il direttore sanitario o il medico ravvisava una non opportunità a causa delle patologie del paziente, il vaccino non veniva fatto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400