Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

FEES HA SEDE AL COBOX

Due startupper cremonesi sulle pagine di Forbes

Matteo Mazzolari e Paolo Pavesi hanno sviluppato un'applicazione per digitalizzare e gestire qualsiasi tipo di spesa

Riccardo Maruti

Email:

rmaruti@laprovinciacr.it

28 Aprile 2021 - 18:28

Due startupper cremonesi  sulle pagine di Forbes

CREMONA (28 aprile 2021) - Forbes, la celebre rivista di economia, inaugura la serie Gli ZetaMillennials ad alto contenuto tecnologico partendo dalla startup cremonese Fees. Fondata nel 2019 da Matteo Mazzolari e Paolo Pavesi, Fees è un’applicazione mobile e web che, grazie ad un algoritmo OCR sviluppato in machine learning, permette a privati ed aziende di digitalizzare e gestire in modo semplice e organizzato qualsiasi tipo di spesa.

L’idea nasce dall’esigenza personale di uno dei due fondatori, Matteo Mazzolari. Mentre si trovava a lavorare per una una scaleup di San Francisco, impegnato in trasferte tra l’Italia e la Silicon Valley, doveva prendere nota di tutte le spese per rendicontarle poi alla propria azienda. Tornato in Italia ha deciso, insieme all’amico e socio Paolo Pavesi, di implementare una soluzione per la digitalizzazione delle spese e dei documenti.

Questa startup innovativa ha ricevuto, in meno di un anno, un primo riconoscimento con l’arrivo del primo finanziamento da parte Microdata Group (una delle società del CRIT) che è diventata oltre che finanziatore anche un partner tecnico. Il team si è arricchito e ad oggi conta 8 persone, che con le proprie competenze stanno facendo crescere Fees. L’obiettivo è diventare un player globale nella digitalizzazione.

Fin dalla sua nascita ha trovato sede presso Cobox, lo spazio di coworking del CRIT – Polo per l’Innovazione di Cremona. L’ambiente del coworking, ben noto a Matteo che ha lavorato in uno spazio di coworking della Silicon valley, ha permesso a Fees di incontrare altri professionisti con cui potersi confrontare e collaborare. Questi spazi facilitano la nascita di networking e lo scambio di nuove conoscenze. Fin da subito, i giovani startupper cremonesi, hanno colto lo spirito di Cobox e del CRIT mettendo a disposizione le proprie competenze e il proprio entusiasmo. Collaborando con le aziende del consorzio CRIT e gli altri resident di Cobox per favorire la crescita, le relazioni e l’innovazione sul territorio.

CLICCA PER LEGGERE L'ARTICOLO DI FORBES


© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, VIDEO E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400