Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SÌ ALLA PROPOSTA DELLA REGIONE

I pioppi, un'arma in più per la difesa dell'ambiente

Petracco (Libera): «Dare i terreni demaniali in gestione agli agricoltori favorisce la biodiversità e la sostenibilità»

Riccardo Maruti

Email:

rmaruti@laprovinciacr.it

04 Aprile 2021 - 08:45

I pioppi, un'arma in più per la difesa dell'ambiente

CREMONA (4 aprile 2021) - La pioppicoltura è sinonimo di tutela ambientale, intesa come miglioramento della qualità dell’aria e dell’acqua, e come incremento della biodiversità degli habitat naturali. È anche sviluppo economico sostenibile e ripresa occupazionale per tutta la filiera coinvolta, dal sistema agroforestale che produce la materia prima sino alle realtà di lavorazione e trasformazione. Ha da sempre rappresentato un tratto distintivo dell’agricoltura cremonese, ed inserita nella rotazione aziendale, soprattutto nelle zone golenali, contribuisce a creare paesaggio e regola il deflusso in caso di eventi avversi. «Coltivato con le tradizionali turnazioni di dieci anni, il pioppo produce legno di primissima qualità. E’ tra i sistemi agro-forestali più efficaci per l'assorbimento di gas serra e per il riequilibrio del bilancio del carbonio, che grazie all'effetto di carbon stock - immagazzinamento del carbonio nei prodotti legnosi e dei suoi derivati - è sempre positivo», spiega Betty Petracco, presidente della sezione Legnose e Florovivaismo della Libera Associazione Agricoltori Cremonesi. «Un ettaro di pioppeto (circa 300 piante) assorbe ogni anno 18 tonnellate di anidride carbonica presente in atmosfera. La pioppicoltura è in grado di adattarsi agli scenari del cambiamento globale, con incrementi di produttività in condizioni di maggior concentrazione di CO2».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400