il network

Domenica 07 Marzo 2021

Altre notizie da questa sezione


SAN BASSANO. LA STORIA

Dal calcio alla fede, Rizzi: «La mia nuova vita con i bisognosi»

Federico (ex Cremo): «Aiutiamo le famiglie povere, l’80% sono italiane. Il Signore mi ha cambiato da una gita con mia moglie a Medjugorje»

Dal calcio alla fede, Rizzi: «La mia nuova vita con i bisognosi»

SAN BASSANO (5 dicembre 2020) -  «Ero convinto che le gioie fossero le belle auto, un ingaggio più alto, la fama, poi un giorno sono stato a Medjugorje e la mia vita è cambiata. Sono cambiate le priorità. Ho dato l’addio al calcio e mi sono dedicato al Signore. A voi capiterà di alzarvi per andare al lavoro magari un po’ arrabbiati o senza stimoli, ecco a me no. Io metto un piede giù dal letto e sorrido perché so che essere utile è la cosa più bella del mondo». Federico Rizzi, 39 anni nato a Pieve San Giacomo e ora residente a San Bassano, è stato calciatore per almeno quindici anni tra serie B e serie C, ma la sua vocazione è diventata diversa grazie alla fede. La sua è una storia incredibile, fatta di percorsi tortuosi ma bellissimi. È il fondatore dell’associazione Pellegrini con Gioia, che si occupa di pellegrinaggi di fede, ma anche e soprattutto di aiutare chi ha necessità. «In questo momento il Covid ha bloccato i nostri viaggi e quindi abbiamo spostato la nostra attenzione su chi ha più necessità e non potete nemmeno immaginare cosa si vede. Facciamo servizio al povero, più o meno per tutta la provincia. Portiamo generi alimentari di prima necessità. L’80% delle persone che aiutiamo è costituito da italiani. Gente che prende magari 500 euro di stipendio e ha un affitto di 400. Che ha bisogno di pasta e latte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Dicembre 2020