il network

Mercoledì 25 Novembre 2020

Altre notizie da questa sezione

Oggi...


COSTUME E SOCIETA'

Tutti pazzi per le scarpe Lidl, ma a Cremona non ci sono

In tutt'Italia gente in coda per acquistarle a meno di 15 euro e poi rivenderle a quasi mille. Articolo diventato incredibilmente cool, ma in zona rossa non è considerato un «bene necessario»

Tutti pazzi per le scarpe Lidl, ma a Cremona non ci sono

CREMONA (18 novembre 2020) - «Ancora? Guardi, qua a Cremona non le possiamo vendere e quindi non sono mai arrivate. Comunque nelle regioni in cui è possibile farlo sono andate tutte esaurite nel giro di un paio d’ore». La commessa della Lidl di Cremona è categorica e ci fa chiaramente capire che siamo l’ennesimo cliente a chiedere la stessa cosa: le ormai celebri scarpe da ginnastica marchiate Lidl. Messe in commercio in Italia solo da un paio di giorni, nelle zone rosse non possono essere vendute, viste le restrizioni e non essendo considerate bene di prima necessità. Si tratta di un fenomeno incredibile, nato per caso all’estero qualche mese fa, dove le scarpe (ma anche le ciabatte e le calze), sono state messe in vendita con grande anticipo rispetto all’Italia. Articoli diventati in modo inspiegabile cool e di grande moda: le scarpe sono vendute a meno di 15 euro. Ma le regole della moda e del marketing, si basano su logiche particolari e quindi in Italia, come accaduto mesi fa all’estero, è partita la fiera del reseller. Chi è riuscito ad accaparrarsi uno o più pezzi li sta rivendendo a prezzi folli. Le scarpe sono arrivate a toccare picchi di 500-1000 euro, mentre per le ciabatte di plastica si può ‘risparmiare’ e spendere solo una settantina di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Novembre 2020

Commenti all'articolo

  • SILVANO

    2020/11/20 - 09:33

    Che se le tengano nemmeno regalate e per andare in mezzo ai campi. Con quella scritta già mi vergogno a mostrare quelle borse ....

    Rispondi