il network

Martedì 20 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

Omicidio della piccola Gloria, disposta la perizia psichiatrica sul papà

Prima udienza nei confronti di Kouao Jacob Danho, accusato di aver ucciso la figlia di due anni per vendicarsi della compagna che lo aveva lasciato

Omicidio della piccola Gloria, è iniziato il processo al papà

CREMONA (28 settembre 2020) - E' iniziato questa mattina in Corte d'Assise il processo nei confronti di Kouao Jacob Danho, il papà che il 22 giugno del 2019 uccise la sua bimba Gloria, 2 anni, per vendicarsi di Audrey Isabelle, la compagna che lo aveva lasciato. La Corte è presieduta dalla presidentessa del tribunale Anna di Martino, a latere il giudice Francesco Beraglia. Danho è difeso dagli avvocati Giuseppe Bodini e Michele Tolomini. La mamma, che non è presente in aula, è parte civile con l'avvocato Elena Pisati.

La Corte d'Assise ha disposto la perizia psichiatrica. All'epoca la richiesta della difesa era stata rigettata. I neuropsichiatri nominati dalla Corte d'Assise sono Giacomo Filippini di Brescia e Sergio Mantero di Milano. L'incarico sarà conferito all'udienza del 12 ottobre.

Oggi si sono riaccesi i riflettori sull’omicidio della piccola Gloria, uccisa dal suo papà nell’appartamento al secondo piano, in via Massarotti. Un «brutale omicidio» per vendicarsi dell’ex compagna, che in febbraio lo aveva lasciato, dopo l’ultima, violenta, lite, quando lui le aveva messo le mani addosso fino a romperle un timpano. Da allora, mamma Isabelle si era trasferita, con la piccola Gloria, nella casa protetta ‘Il Focolare Grassi’, in via Bonomelli. Qui, alle 9.45 di sabato 22 giugno, il padre si presentò il padre per prendere la bimba. Avrebbe dovuto riportarla alle cinque del pomeriggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, VIDEO E FOTO

28 Settembre 2020

Commenti all'articolo

  • They

    2020/09/29 - 06:36

    Perizia psichiatrica? Botte tutte le mattine al risveglio e alla sera prima di dormire!

    Rispondi

  • marco

    2020/09/28 - 14:31

    Pena di morte .

    Rispondi