il network

Martedì 20 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione


IL FUTURO DEL PONCHIELLI

Ceraso va all’attacco: «Si sciolga l’intero Cda»

La capogruppo di Viva Cremona presenta un ordine del giorno in Consiglio. «Offende l’intelligenza di tutti pensare che non ci siano stati conflitti d’interesse»

Ceraso va all’attacco: «Si sciolga l’intero CdA»

CREMONA (24 settembre 2020) - Il sindaco revochi l’intero Consiglio di amministrazione della Fondazione Teatro Ponchielli. Lo chiede Maria Vittoria Ceraso (Viva Cremona) in un ordine del giorno da discutere in Consiglio comunale: «Offende l’intelligenza di tutti pensare che non ci siano stati conflitti d’interesse». La richiesta è accompagnata da una nota in merito alla sostituzione di Angela Cauzzi alla guida del teatro e alla nomina - nel corso del Cda di lunedì scorso - di Andrea Cigni quale nuovo sovrintendente. «Il Sindaco ha definito lungo il percorso che ha portato alla scelta del nuovo Sovrintendente - scrive Ceraso in risposta all’intervento di Gianluca Galimberti pubblicato su «La Provincia» di ieri -. Non mi pare. In realtà è stato brevissimo e ben congegnato in pochi semplici passaggi tutti preordinati a ciò che fin dall’inizio era già stato da lui deciso: la nomina di Andrea Cigni come nuovo Sovrintendente del Teatro Ponchielli. Appurate alcune resistenze nel Consiglio di Amministrazione (Marcotti e Lazzarini) rispetto ai tempi e modi da lui ipotizzati per l’avvicendamento della Cauzzi, il Sindaco, in occasione della sostituzione di due membri del Cda in scadenza, ha nominato Francesca Pagani e ha proposto ai Soci la nomina di Andrea Rurale, due suoi fedelissimi, ottenendo così quella maggioranza nel Cda che gli serviva per realizzare il suo piano. Il resto è storia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Settembre 2020