il network

Mercoledì 30 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LO SCREENING

Quasi 7 mila tamponi. «Solo» l’1,18% è positivo

I numeri dei test eseguiti nella prima metà di settembre tra Cremona e provincia. Percentuale di contagio bassa rispetto alla media lombarda e a quella nazionale

Quasi 7 mila tamponi. «Solo» l’1,18% è positivo

CREMONA (17 settembre 2020) - A settembre si registra l’1,18% di positivi: nella prima metà del mese, in provincia di Cremona sono stati effettuati 6.860 tamponi, che hanno confermato il contagio in 81 casi, come certificano i dati diffusi dell’Ats Val Padana. Una percentuale decisamente bassa rispetto sia alla media nazionale che a quella lombarda, dove il rapporto fra test eseguiti e riscontri positivi è quasi stabilmente superiore all’1,5% e, in alcune giornate, oltrepassa ampiamente il 2%. L’ennesima riprova numerica dell’atteggiamento prudente e coscienzioso dei cremonesi: non solo il numero dei nuovi malati in valore assoluto si rivela contenuto, ma anche la percentuale dei contagiati in relazione al volume di tamponi si conferma tra le più modeste nel quadro dell’intero Stivale. Tra gli 81 contagiati, sono 11 quelli che hanno avuto bisogno di essere ricoverati: un altro dato che convalida una tendenza per ora scarsamente preoccupante, nonostante la leggera crescita rispetto ai mesi precedenti.
I dati provinciali avvalorano il calo generalizzato dell’età media dei malati: sono 53 i positivi under 50, fra cui 10 con meno di 18 anni. Sì, ora il virus colpisce soprattutto i più giovani. Nella prima quindicina di settembre sono stati 17 i casi di positività nella popolazione fra i 50 e i 64 anni, solo 3 nella fascia dai 65 ai 74 e 8 tra gli over 75. La maggior parte dei tamponi – ben 2.169 sui 6.860, ovvero quasi un terzo – ha riguardato i cremonesi fra i 25 e i 49 anni, con un’incidenza di casi positivi dell’1,5% (per l’esattezza 32 malati).

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

16 Settembre 2020