il network

Domenica 29 Novembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

'Il Comune paghi la Ferrari'

Supercar distrutta dopo lo schianto in tangenziale, la proprietaria: 'Colpa di una macchia d’olio'. E cita in giudizio l’amministrazione per 66.500 euro

Ferrari

CREMONA (15 settembre 2020) - «Supercar da buttare, il conto lo paghi il Comune di Cremona». Ne è convinta la proprietaria della Ferrari 360 Modena, gialla, che il 12 maggio dell’anno scorso, intorno alle 13, è stata protagonista di un pauroso incidente in tangenziale [leggi]. Uno schianto che non sarebbe stato causato da imperizia nella condotta di guida, ma «dall’asfalto bagnato, reso viscido per la presenza al suolo di sostanze oleose». E la proprietaria ora ha citato il Comune in giudizio presentando una richiesta di risarcimento che ammonta a 66.500 euro. A cui, naturalmente, occorre aggiungere interessi legali e rivalutazione monetaria dal momento del fatto, nonché, dal momento della notifica, gli interessi moratori. L’udienza è stata fissata per il 25 novembre, e la Giunta ha deciso nei giorni scorsi di costituirsi in giudizio per opporsi alla richiesta di risarcimento. Alla guida della Ferrari c’era un uomo di Lugagnano Val d’Arda, in provincia di Piacenza, con al fianco la figlia 28enne, che risulta la proprietaria dell’auto. I due erano in città per il raduno Ferrari Sport e Cultura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

15 Settembre 2020

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2020/09/15 - 13:04

    Spero che al comune venga data la colpa e costretto a risarcire, così impara!

    Rispondi

  • koglione

    2020/09/15 - 09:52

    Altre auto hanno subito la stessa sorte quel giorno? Data la risposta risolto il caso.

    Rispondi

    • sergio

      2020/09/15 - 17:48

      in effetti... e se così non fosse, temo proprio che il comune non abbia l'obbligo di monitorare istante per istante le perdite d'olio dei mezzi che circolano sulle sue strade. speravo in una buca, quella sì che sarebbe stata responsabilità del comune

      Rispondi