Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. I NUOVI STUDI

Danni permanenti nei polmoni di chi sopravvive

«Il 25,5% dei guariti ha sviluppato la fibrosi e ora fatica a respirare». Rilievo internazionale per la ricerca sviluppata alle Figlie di S. Camillo

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

06 Settembre 2020 - 08:51

Danni permanenti nei polmoni di chi sopravvive

Il primario di Pneumologia della casa di cura Figlie di San Camillo Maurizio Marvisi circondato dai suoi collaboratori

CREMONA (6 settembre 2020) - Polmoni compromessi nel 25% dei sopravvissuti. Che quella da Covid-19 non sia una ‘semplice polmonite’ è un dato di fatto che medici e infermieri impegnati in questi mesi nella battaglia per salvare la vita agli ammalati hanno potuto verificare sul campo. Oggi arriva anche uno studio che conferma per la prima volta in Europa il carattere dirompente del virus che è in grado di compromettere per sempre l’uso dei polmoni a chi riesce a sopravvivere alla malattia. E lo studio arriva da Cremona, per la precisione dall’équipe di pneumologia della casa di cura Figlie di San Camillo guidata da Maurizio Marvisi. Pubblicato sull’International Journal of Infectious Disease, l’organo ufficiale della società internazionale di malattie infettive, lo studio osservazionale è stato condotto sui 90 pazienti dimessi dalle Figlie dopo essere guariti dalla polmonite da Covid.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400