Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

BORDOLANO

«Ingressi pericolosi», raccolte già 600 firme

Dopo la morte di Serena i cittadini chiedono nuovi interventi sulla Quinzanese: accessi e velocità i temi. Oggi i volontari fanno tappa a Casalbuttano, obiettivo sollecitare la Provincia a ridefinire la viabilità locale

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

22 Agosto 2020 - 08:47

«Ingressi pericolosi», raccolte già 600 firme

BORDOLANO (22 agosto 2020) - Basta vittime della strada lungo la Quinzanese, firmano in 600. E dopo i banchetti a Bordolano, Corte de’ Cortesi e Quinzano ora l’iniziativa promossa da alcuni residenti fa tappa a Casalbuttano: la raccolta firme prosegue oggi al mercato di Casalbuttano. La proposta è partita dopo l’incidente del 9 luglio che è costato la vita alla 14enne di Bordolano Serena Sbolli. Un accadimento tragico che ha segnato profondamente la comunità e che ha spinto alcuni cittadini a scendere in campo per chiedere al presidente della Provincia di Cremona Paolo Mirko Signoroni una ridefinizione della viabilità lungo la provinciale 86 e in relazione agli accessi del paese. Lettera che una volta terminata la petizione verrà fatta pervenire all’ente sovracomunale e per conoscenza al sindaco di Bordolano Davide Brena

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400