Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA TRAGEDIA DI FERRAGOSTO

La morte di Elisa, RFI a disposizione della magistratura

La 34enne di Pizzighettone è stata travolta da un treno al passaggio a livello di Maleo mentre tornava a casa dopo il turno di lavoro al Famila di Codogno. Secondo i testimoni, le sbarre erano alzate quando è passata con la sua auto

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

20 Agosto 2020 - 17:11

La morte di Elisa, RFI a disposizione della magistratura

PIZZIGHETTONE/MALEO (20 agosto 2020) - "Rete Ferroviaria Italiana è a completa disposizione e a supporto della Magistratura per contribuire alla ricostruzione del tragico evento dell’incidente di Maleo, per il quale sono in corso le indagini dell’Autorità giudiziaria che accerterà le cause". E' la parte introduttiva del comunicato emesso oggi da RFI in merito alla tragedia di Ferragosto nella quale ha perso la vita la 34enne Elisa Conzadori, travolta da un treno al passaggio a livello di Maleo mentre tornava a casa dopo il turno di lavoro al Famila di Codogno. Secondo i testimoni, le sbarre erano alzate quando è passata Elisa. Sulla tragica vicenda indaga la procura di Lodi.

Nel prosieguo del comunicato si legge: "RFI, inoltre, sottolinea la propria disponibilità ad accelerare il confronto con gli Enti locali per valutare insieme lo studio relativo all’eliminazione del passaggio a livello. La rete ferroviaria nazionale, in virtù di costanti e continui investimenti in innovazione tecnologica, è tra le più sicure in Europa, con indici di incidentalità al di sotto della media e tra i più bassi in assoluto. A inizio anni ‘90 i passaggi a livello erano oltre 12mila, da allora sono state eliminate circa 8mila interferenze fra strada e ferrovia con un investimento economico di Rete Ferroviaria Italiana di circa 1,5 miliardi di euro. Il piano di eliminazione prosegue secondo il programma conseguente agli accordi con gli enti proprietari delle strade; nel 2020 è prevista l’eliminazione di ulteriori 100 passaggi a livello, di cui 9 in Lombardia che si aggiungono ai 23 già soppressi nel 2019. RFI, l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria e la Polizia Ferroviaria  effettuano altresì periodiche campagne di informazione e sensibilizzazione destinate a pedoni e automobilisti per il rispetto delle regole ai passaggi a livello. Rete Ferroviaria Italiana rinnova il proprio cordoglio e la propria vicinanza ai famigliari della ragazza deceduta nell’incidente di sabato 15 agosto".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400