il network

Mercoledì 30 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


SPINADESCO

Incendio all'acciaieria Arvedi, l'azienda: «Nessuna criticità per ambiente e qualità dell’aria»

Nota informativa del Gruppo: «Nessuna sostanza pericolosa o nociva è stata toccata dalle fiamme»

Incendio all'acciaieria Arvedi, l'azienda: «Nessuna criticità per ambiente e qualità dell’aria»

CREMONA (13 agosto 2020) – Sull'incendio scoppiato  questa mattina all'acciaieria, il Gruppo Arvedi ha inviato una nota informativa: «Questa mattina presso lo stabilimento cremonese di Acciaieria Arvedi c’è stato un incendio alla torre di raffreddamento dell’impianto acque, per cause che sono in corso di accertamento. Grazie alle rigide misure di sicurezza e alle procedure di emergenza, che sono immediatamente scattate, l’incendio è stato domato in meno di un’ora, per il pronto intervento della squadra antincendio di Acciaieria Arvedi e dei Vigili del Fuoco. Nessuna persona è stata coinvolta nell’incendio e non ci sono feriti. Nessuna sostanza pericolosa o nociva è stata toccata dall’incendio e, dai risultati ad ora disponibili – in attesa di quelli definitivi, i cui esiti saranno confermati nella giornata di domani – le centraline non hanno evidenziato nessun problema o criticità sia per la qualità dell’aria, sia da un punto di vista ambientale. Tutti i sistemi di presidio ambientale sono prontamente entrati in funzione e intervenuti in maniera efficace e le acque utilizzate nello spegnimento dell’incendio sono state convogliate in un punto di raccolta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

13 Agosto 2020

Commenti all'articolo

  • Edgardo

    2020/08/15 - 02:37

    Chiedo scusa, le macerie della foto? Sono in materiale ferroso? La torre di raffreddamento usa acqua? Peccato, poco tempo fa, se ricordo bene, Arvedi aveva acquistato una pagina intera del quotidiano descrivendo quanto fatto o da fare per la "sostenibilità". Si spera che questo incendio sia l'eccezione che conferma la regola. Circa la non tossicità dei fumi mi scappa da ridere, anzi da piangere.

    Rispondi