il network

Venerdì 25 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


IL GRANDE FIUME IN SECCA

Gli spiaggioni del Po come una discarica

Con il livello a 7 metri e 12 centimetri sotto lo zero idrometrico emergono rifiuti di ogni tipo. Ecco le tracce dell’inciviltà: plastica, gomme, vasche da bagno e persino un manichino

Gli spiaggioni del Po come una discarica

CREMONA (10 agosto 2020) - Continua inesorabile la discesa del Po, sempre più vicino a valori da secca storica: ieri, alle 21, il livello alla stazione di rilevamento dell’Aipo sotto il ponte in ferro tra Cremona e Castelvetro era di sette metri e 12 centimetri sotto lo zero idrometrico. E mentre il Grande Fiume si ritira, emerge il lascito sgradevole dell’inciviltà: sugli spiaggioni spuntano rifiuti di ogni genere. A documentare incuria e inciviltà, oltre che il totale disprezzo per l’ambiente, sono i volontari del Nibbio Onlus -Tutela Ambiente e Protezione Civile, come racconta Fabio Guarreschi: «Abbiamo percorso tratti di fiume di una bellezza mozzafiato e tutte le volte ci si stringe il cuore a vedere emergere rifiuti, i più diversi — spiega —. Una vasca da bagno, copertoni, ma anche un manichino che emergeva dalla sabbia, un vecchio registratore oltre a tanta, tanta plastica. E pensare che il nostro Po potrebbe essere una risorsa turistica ed economica tutta da valorizzare. Nelle nostre missioni, invece, siamo costretti a documentarne il degrado. Abbiamo intenzione di organizzare un’operazione di recupero dei rifiuti non appena il caldo ce lo permetterà, magari a settembre. Il nostro impegno è volto a sollecitare l’opinione pubblica sul rispetto della bellezza del nostro Po».
E mentre Guarreschi racconta, a fare da contrasto alle sue parole e all’entusiasmo con cui descrive il Po sono le immagini dei rifiuti che deturpano gli spiaggioni, emergendo come reperti di una modernità irrispettosa. L’azione dei volontari del Nibbio — resa nota sul profilo Facebook del sodalizio — vuole essere un contributo alla bellezza del Po, un atto di denuncia civile a difesa del fiume. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

10 Agosto 2020

Commenti all'articolo

  • Edgardo

    2020/08/12 - 03:22

    Colpirne per educarne cento.

    Rispondi