il network

Giovedì 01 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS

Vaccino italiano, parte la sperimentazione: Cremona in prima linea

Lo ha annunciato il presidente del Lazio, Nicola Zingaretti: 'Dalla nostra regione e dallo Spallanzani una spinta alla ricerca che coinvolgerà anche Cremona'

Vaccino italiano, parte la sperimentazione: Cremona in prima linea

CREMONA (3 agosto 2020) - "Da Roma parte la sperimentazione del vaccino Covid made in Italy finanziato dalla Regione Lazio e dal Ministero Ricerca, che coinvolgerà anche Verona, Cremona e poi Piacenza. Dal Lazio e dagli scienziati dello Spallanzani, una spinta nazionale al vaccino". L'annuncio, su Twitter, è del presidente della Regione Lazio e segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti. La strada che porta verso il vaccino, dunque, vede la nostra provincia (la poù colpita in Italia in termini contagi per abitante) in prima linea.

«Partiranno dall’Istituto Spallanzani - aveva affermato l'altro ieri Zingaretti - le sperimentazioni per il vaccino anticovid made in Italy sull'uomo, che sarà somministrato a 45 volontari sani, di massimo 55 anni, divisi in tre gruppi da 15. Si attenderà l'esito dei test che, se non forniranno controindicazioni come auspichiamo, saranno successivamente allargati ad un nuovo gruppo di volontari sani di età compresa tra i 65 e i 75 anni. Il campione sarà ulteriormente esteso con il progredire dei risultati che hanno come obiettivo quello di identificare la quantità minima di vaccino capace di sviluppare gli anticorpi. Come Regione Lazio abbiamo sostenuto - aveva spiegato - questa fase delicata della ricerca con un investimento di 5 milioni di euro su un totale di 8 e chiaramente la conclusione positiva della fase preclinica lascia ben sperare per risultati significativi anche sull'uomo. Il mio grazie va a quanti, con dedizione e professionalità, sono impegnati ogni giorno nella lotta al virus che sarà definitivamente sconfitto con l’arrivo del vaccino. Nel frattempo, con il virus ancora in corso, è necessario per tutti i cittadini continuare a rispettare tre semplici regole: uso della mascherina, distanziamento e lavaggio continuo delle mani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

03 Agosto 2020

Commenti all'articolo

  • roberto

    2020/08/04 - 08:00

    Purchè restino sempre solo volontari...

    Rispondi