il network

Lunedì 21 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


SORESINA

Auto danneggiate, il vandalo ripreso in un video

Una telecamera lo ha immortalato in azione, agisce in bicicletta e senza complici, le indagini proseguono

Auto danneggiate, il vandalo ripreso in un video

SORESINA (3 agosto 2020) - Arriva in bici e colpisce. Poi, sempre in bici, riparte. Nell’ultima settimana il vandalo seriale si è rintanato in casa, ma sui suoi movimenti una novità, importante, è arrivata dalle telecamere. L’impianto di sorveglianza di un privato ha ripreso l’assalto portato a termine nei giorni scorsi in via Guainoldo. Nel video ormai condiviso su molti smartphone dei soresinesi si vede un soggetto (uno solo, senza complici), nel cuore della notte, sbucare in bici e parcheggiare sul marciapiedi. Dopo un paio di occhiate veloci su un versante e sull’altro, il teppista sfonda il vetro di un’auto in sosta, apre la portiera e perde qualche secondo per controllare l’interno dell’abitacolo, probabilmente per cercare qualcosa da asportare. L’antifurto della vettura a quel punto è già in azione, e il misterioso ciclista, peraltro senza troppa fretta, si allontana nel buio prima dell’arrivo del proprietario.

Nel fuggire, il giovane che da tre settimane è ricercato da tutta Soresina transita a pochi metri dall’occhio elettronico, ma il suo volto, nonostante un esame accurato delle immagini, non è riconoscibile. Un po’ per il buio, un po’ per il fatto che il vandalo venga ripreso in movimento e non da fermo, risalire con certezza alla sua identità al momento non pare sia possibile. Tuttavia qualche elemento utile i carabinieri lo possono riscontrare nell’abbigliamento, nelle calzature indossate e anche nel modello di bici utilizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

02 Agosto 2020

Commenti all'articolo

  • Rodolfo

    2020/08/03 - 11:06

    Se si prende, gli si spezzano le braccine.........e se non riesce a mangiare A@@i suoi, indipendentemente chi sia.Chiaro il concetto.

    Rispondi

  • arcelli

    2020/08/03 - 09:39

    Non sarà mica uno dei tanti stranieri importati e mantenuti che,per essere riconoscenti,fanno queste cose. In Svizzera importano gli stranieri ricchi e istruiti e qui la feccia mondiale con mille malattie. Che popolo ridicolo siamo grazie al buonismo della sinistra

    Rispondi