il network

Martedì 04 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

Edilizia scolastica, Azzali: "Interventi urgenti e legati al Covid"

Edilizia scolastica,  Azzali: "Interventi urgenti e legati al Covid"

CREMONA (16 luglio 2020) - Si è tenuta la seconda riunione con i Dirigenti scolastici in Provincia per fare il punto della situazione rispetto ad interventi urgenti per la ripartenza a settembre.

Presenti oltre al vice presidente Rosolino Azzali, con funzione delegata all'edilizia scolastica, il Coordinatore avv. Massimo Placchi, dirigente Settore Patrimonio ed edilizia scolastica ed i funzionari della Provincia, unitamente a rappresentanti dell'Ufficio Scolastico Territoriale e Agenzia TPL.

"Da tempo abbiamo affrontato questo tema nell'intricato contesto normativo che dalla pandemia Covid ne è scaturito - ha precisato Azzali - Molte e diversificate le richieste giunte dai Dirigenti scolastici in vista della riapertura a settembre. Stiamo effettuando sopralluoghi in tutti gli edifici scolastici di pertinenza della Provincia ed insieme troveremo soluzioni per la ripresa in sicurezza, redigendo una scaletta e selezione degli interventi prioritari. Ovviamente stante i complessi iter collegati ai finanziamenti PON abbiamo ritenuto, con variazioni di bilancio, di dedicare la rinegoziazione dei mutui a valere sulla spesa corrente, in modo tale da poter spendere somme immediate, come peraltro previsto dalle norme, per la manutenzione, con modalità semplificate ed agevolate di affidamento dei lavori. Tutto ciò che non è strettamente urgente verrà, quindi, finanziato con i fondi PON; occorre tenere presente, comunque, gli effetti sull'economia della pandemia Covid, che hanno colpito anche il bilancio della Provincia, che a fine anno vedrà minori entrate per  circa 7 milioni di euro" - ha continuato Azzali.

"Infine vi è la criticità che riguarda non solo la Provincia: il trasporto alunni; le attuali circolari ora prevedono il 60 per cento di trasporto dei posti a sedere. E l'altro 40%? Stiamo facendo adeguate sollecitazioni per un cambio della norma pur nei protocolli di sicurezza, prevedendo anche altri ipotesi come ingressi diversificati e significativamente distanziati" - ha concluso Azzali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

16 Luglio 2020