Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

Luna park ad ostacoli. Rinuncia quasi certa

Giostrai a confronto con il Comune: «Troppi paletti, non vale la pena. Uccisi dalla burocrazia»

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

11 Giugno 2020 - 07:40

Luna park ad ostacoli. Rinuncia quasi certa

CREMONA (11 giugno 2020) - «La burocrazia ci ucciderà». Sono amareggiati e delusi, i giostrai del Luna Park di Cremona. Ieri mattina doveva essere la giornata decisiva per conoscere il loro destino e quello della tradizionale fiera, da agganciare in extremis e da organizzare nelle ultime due settimane di giugno. Invece, la riunione che si è tenuta in mattinata in municipio con i tecnici comunali non ha portato ad alcuna decisione: «Ci hanno messo di fronte una serie di paletti e di tempistiche troppo lunghe — spiega Pierluigi Turconi, che insieme alle famiglie storiche Piccaluga e Manucci fa parte del comitato interno del luna park di Cremona —. Anche se non lo hanno detto no apertamente, percepiamo che è come se stessero facendo in modo che l’evento non si faccia». Turconi, che arriva da Torino, ha partecipato a tutti gli incontri che in queste settimane si sono susseguiti, compreso quello in Prefettura durante il quale sono state dettate le linee guida per garantire la sicurezza e le misure di contenimento del contagio da Covid.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400