il network

Sabato 26 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, test sierologici: ecco la prima 'fotografia'

Nei duemila Comuni lombardi (13 cremonesi) coinvolti nello screening sono già stati effettuati dal servizio sanitario regionale 161.322 esami

Coronavirus, test sierologici: ecco la prima 'fotografia'

CREMONA (3 giugno 2020) - La Lombardia ha superato ampiamente i centocinquantamila test sierologici fissati da Ministero della Salute e Istat per l’indagine epidemiologica avviata con la collaborazione della Croce Rossa Italiana. Ad oggi, infatti, nei duemila Comuni coinvolti sono stati effettuati dal servizio sanitario regionale 161.322 esami. Una grande campagna di screening che ha rivelato che il 20% dei lombardi ha contratto il Covid-19 e ne ha dunque sviluppato gli anticorpi. I dati, che sono stati resi pubblici dal quotidiano Il Giorno, riguardano al momento operatori sanitari e persone che sono rimaste a casa in quarantena perché hanno presentato sintomi compatibili con il morbo o perché sono entrati in contatto con un contagiato. Da questa indagine, tutt’ora in corso, si è così scoperto che 32.968 lombardi sono risultati positivi. E i cremonesi? Secondo i primi dati, il 36% dei cremaschi e il 31% dei cremonesi hanno sviluppato anticorpi. Percentuali che crescono del 2% se si considerano anche gli esami dubbi. A livello di singoli laboratori e dunque di aree territoriali più ristrette si è evidenziato che i positivi tra i coloro che sono stati sottoposti ai prelievi analizzati dall’Asst Bergamo Est sono il 50% mentre il 43% in quelli dei laboratori dell’Asst di Bergamo Ovest e 42% al Papa Giovanni XXIII; segue il 37% in Valcamonica, il 32% all’Asst del Garda; nella zona di Milano invece le percentuali più basse: 10% di test positivi al Policlinico, 15% al Niguarda e 19% al Sacco. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

02 Giugno 2020