Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

EMERGENZA SANITARIA

Va tutto bene, anzi no. Il rischio di perdersi tra dati e previsioni

La situazione italiana viene seguita e studiata da scienziati di tutto il mondo. Il matematico cremonese Dario Grana avverte: tutto dipenderà dai nostri comportamenti

Dario Grana

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

25 Aprile 2020 - 08:19

Va tutto bene, anzi no. Il rischio di perdersi tra  dati e previsioni

Il matematico cremonese Dario Grana

CREMONA (25 aprile 2020) - Ogni giorno leggiamo e ascoltiamo dati, stime e previsioni sull’andamento dei contagi e sulla mortalità del virus Covid-19. Le informazioni sono molte e spesso risulta difficile orientarsi. Innanzitutto, è importante capire che dati e previsioni non sono sinonimi. I dati sono misure che sono state effettuate, mentre le previsioni sono il risultato di un calcolo numerico o un modello matematico. In teoria, i dati dovrebbero essere certi, perché misurati e verificati. Le previsioni invece sono incerte per natura, perché i modelli matematici, per quanto sofisticati e accurati non sono perfetti, in quanto spesso non possono tenere conto di tutte le variabili. È quanto accade, ad esempio, per le previsioni del meteo. In realtà, anche i dati possono essere incerti, ad esempio quando sono pochi o incompleti; il che rende le previsioni ancora più incerte. La mancanza di dati certi porta ad effettuare delle assunzioni, usando ad esempio dati da altri Paesi. Cerchiamo quindi di capire come leggere i dati e le previsioni, che informazioni possiamo trarne, e con quale accuratezza. 

L'INTERVENTO INTEGRALE SU LA PROVINCIA DI SABATO 25 APRILE 2020

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400