il network

Martedì 26 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, da Arco Onlus mille mascherine per la casa di riposo Mazza

Il sindaco Moggi ne ha ricevute 1.500 da Regione Lombardia e in settimana ne arriveranno altre che verranno distribuite dalle farmacie

PIZZI

PIZZIGHETTONE (8 aprile 2020) - Arco Onlus ha donato mille mascherine protettive alla casa di riposo Fondazione Mazza: “Un gesto concreto e profondamente solidale - ringrazia l’istituto - che sostiene l’impegno della nostra Fondazione nella tutela di ospiti e personale di fronte a questa grave emergenza”.

Nel frattempo il sindaco Luca Moggi ha ricevuto le prime 1.500 mascherine di Regione Lombardia: “Sono mascherine di tipo chirurgico adatte per chiunque ne fosse sprovvisto e si debba recare in un luogo pubblico per comprovata necessità o esigenza lavorativa. Il numero di questa prima fornitura non ci consente di distribuirle ad ogni cittadino, per questo abbiamo pensato di dislocarle sul territorio per metterle a disposizione di quanti fossero costretti a muoversi per le esigenze primarie. Seguendo le direttive regionali, onde evitare assembramenti (oltre che vietati, poco auspicabili) abbiamo pensato ad una macro distribuzione in alcuni punti strategici e nei principali negozi che vendono alimentari o beni di prima necessità (al momento escluse le medie strutture di vendita)”. Le farmacie, invece, ne riceveranno gratuitamente in settimana un’ulteriore fornitura specifica da parte di Regione Lombardia.

Parallelamente a queste valutazioni, il Comune di Pizzighettone riserverà una quota di mascherine per i soggetti più fragili, al fine di tutelare la salute dei soggetti più sensibili e svantaggiati, attraverso la rete di sostegno e assistenza già attivata per la spesa a domicilio e gestita con l’aiuto di volontari, a cui va un plauso importante da parte di tutti. “Affideremo l'incarico della distribuzione agli agenti della polizia locale - annuncia il sindaco -, confidando nella partecipazione attiva dei negozianti e dei commercianti. Oltre alla loro, ci affidiamo anche alla collaborazione dei cittadini e li invitiamo a richiedere la mascherina solo se ne sono sprovvisti. In modo da lasciare responsabilmente la possibilità di prenderla a chi non ne dispone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

08 Aprile 2020