il network

Giovedì 28 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il sindaco Moggi polemico con il decreto Conte

"Non facciamoci prendere in giro: i 4 miliardi e 300 milioni annunciati non sono soldi che lo Stato darà ai Comuni, ma sono l’anticipo di quello che lo Stato deve già ai Comuni per il Fondo di solidarietà comunale"

Coronavirus, il sindaco Moggi polemico col il decreto Conte

Il sindaco Luca Moggi

PIZZIGHETTONE (29 marzo 2020) - E’ polemica sull’ultimo provvedimento del premier Giuseppe Conte. I sindaci leghisti lombardi con una nota congiunta sottolineano che il governo «ha scaricato i problemi e le responsabilità prima sugli ospedali, poi sui presidenti delle Regioni e ora sui Comuni». Durissima la presa di posizione: «Non facciamoci prendere in giro: i 4 miliardi e 300 milioni annunciati non sono soldi che lo Stato darà ai Comuni, ma sono l’anticipo di quello che lo Stato deve già ai Comuni per il Fondo di solidarietà comunale, alimentato dai soldi dei Comuni stessi. In sostanza il governo sta facendo l’elemosina con i nostri soldi, già alle prese con una coperta sempre troppo corta. Questa è una vergogna». Il pizzighettonese Luca Moggi entra anche nel merito dei 400 milioni per buoni spesa: «Non saranno compensativi rispetto al lavoro portato avanti dalle amministrazioni da ormai più di un mese. Da lunedì ci troveremo i centralini intasati. Stando ad una prima proiezione saranno circa 5-6 euro a cittadino, qualcosa meno per quelli del Nord visto che saranno distribuiti in base agli indici di povertà dei territori. Se devo fare una proiezione per il mio Comune, avremo circa 50 mila euro. E calcolando 2800 nuclei familiari, ci saranno in media 17,85 euro a famiglia. Anche stabilendo dei criteri più o meno oggettivi per un contributo pari almeno alla soglia minima di sopravvivenza (per chi è senza reddito da un mese) vorrà dire che riusciremo ad aiutare 150-170 famiglie. Su 2800 nuclei familiari, molti dei quali con reddito da commercio o libere professioni. L’ennesimo provvedimento spot - conclude il sindaco di Pizzighettone - che scaricherà sui sindaci la colpa di escludere la maggior parte delle famiglie e dover scegliere quelle da aiutare e quelle da lasciare indietro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

29 Marzo 2020

Commenti all'articolo

  • ANNA

    2020/03/29 - 16:51

    Infatti il nostro Presidente non ha detto PER TUTTI. Il governo giustamente chiede aiuto a VOI sindaci che conoscete i bisogni del territorio. Questo ha detto. E poi già vi hanno scritto???? Non credo proprio. Invece di continuare a polemizzare criticare sputare sentenze imparate a avorare seriamente e a COLLABORARE CHE STIAMO ANDANDO INCONTRO A UNA CATASTROFE E NON PER COLPA DEL GOVERNO.

    Rispondi