il network

Mercoledì 05 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, decollano i droni contro i trasgressori

La Municipale ha subito individuato due ciclisti in giro senza motivi validi. Manfredini sottolinea l’abnegazione dei vigili: in 18 a casa con la febbre

Coronavirus, decollano i droni contro i trasgressori

CREMONA (25 marzo 2020) - Il drone si è librato in volo dall’argine maestro nel cuore del pomeriggio. Il suo occhio elettronico ha perlustrato l’intera area del Parco al Po a caccia di trasgressori dei divieti introdotti per contenere l’emergenza epidemiologica. La ricognizione del velivolo, manovrato da Davide Spotti, è durata una ventina di minuti: abbastanza per individuare due ciclisti in giro senza un valido motivo, prontamente fermati e identificati in via del Sale dagli agenti della Polizia locale, presenti con due pattuglie dislocate in punti fissi. Gli uomini del comando di piazza Libertà hanno esordito ieri con il servizio di monitoraggio dal cielo: «Un esperimento molto positivo – ha commentato il comandante, Pierluigi Sforza –. Il drone verrà impiegato prossimamente anche per altre attività ispettive. Grazie all’ufficiale Spotti, pilota con brevetto per operazioni critiche ed esperto istruttore, potremo presto formare altri due agenti».
I controlli con il drone sono solo l’ultima frontiera nella incessante operazione sicurezza che la Polizia locale sta portando avanti senza sosta dall’avvio dell’emergenza Covid-19.

«Ringrazio a nome dell’amministrazione tutti gli uomini della Polizia locale – dichiara l’assessore Barbara Manfredini – e sottolineo in particolare la fondamentale attività di prevenzione, persuasione e informazione svolta su molteplici fronti, in queste dure settimane, sulla scia delle indicazioni del sindaco e dal prefetto». Dalle strade cittadine ai parchi pubblici, dai negozi del centro storico alle case dei quartieri di periferia: un’azione costante, portata avanti con perseveranza e coraggio. Non senza conseguenze: sono 18 gli agenti a casa con la febbre. Fortunatamente tutti in via di guarigione.

[GUARDA IL VIDEO]

[GUARDA LE FOTO]

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

24 Marzo 2020

Commenti all'articolo

  • ANNA

    2020/03/26 - 09:54

    ABBIAMO BISOGNO DI CITTADINI RESPONSABILI NON DI SCERIFFI ILLIBERALI. GLI ABUSI DI CHI PORTA DIVISE MI FANNO ORRORE E PAURA DA SEMPRE EL AMEDAGLIA - RICORDIAMOCELO - HA SEMPRE DUE FACCE.....

    Rispondi

  • ANNA

    2020/03/25 - 09:16

    mai così tant attenzione per i "trasgressori". se ce ne fosse stata così tanta di attenzione per le "infiltrazioni mafiose" così tanto negate dai governatori che si sono succeduti nellanostra regione! o così tanta attenzinoe per le schifesze gettate nei campi dagli agricoltori, o per i tanti rifiuti anche tossico-nocivi accatastati nelle nostre campagne, o a quelle azienda che continuano indisturbate ad inquinare le nostre acque... eccetera eccetera

    Rispondi