il network

Giovedì 02 Aprile 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il Prefetto: 'Rivolgersi al 112 solo in caso di vera emergenza'

Gagliardi: 'Fondamentale la collaborazione coi cittadini, l'apparato sta funzionando al massimo'

Coronavirus, il Prefetto: 'Rivolgersi al 112 solo in caso di vera emergenza'

CREMONA (24 febbraio 2020) - Nella mattinata odierna il prefetto di Cremona, Vito Danilo Gagliardi, ha nuovamente convocato una riunione di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per effettuare un aggiornamento sul quadro dell’emergenza causata dalla diffusione del nuovo Coronavirus – Covid 19.

Presenti come di consueto, i vertici delle Forze dell’Ordine, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, nonché tutte le autorità sanitarie del territorio, il responsabile del servizio AREU 118 e i Sindaci dei Comuni di Cremona, Crema e Casalmaggiore.

Ad oggi la situazione continua ad essere in evoluzione e proprio per questo è fondamentale affidarsi esclusivamente alle informazioni fornite dagli enti competenti.

Nell’ambito della comunicazione istituzionale e anche per chiarire ogni dubbio da parte delle Associazioni di categoria del territorio, il Prefetto incontrerà alle ore 10 di domani, 25 febbraio 2020, alla presenza delle Autorità Sanitarie locali, i rappresentanti delle predette Associazioni.

Nell’ambito delle attività messe in campo per fronteggiare l’emergenza, la collaborazione dei cittadini è fondamentale; questo è il messaggio unanime che va rivolto alla popolazione.

Pertanto, i cittadini sono fortemente invitati, ancora una volta, a non recarsi al Pronto Soccorso, se non nei casi di vera emergenza. Sono attivi il numero unico regionale 800 – 894545 e il numero 1500 per le informazioni generali sul fenomeno. Il numero 112 deve essere utilizzato solo nei casi veramente emergenziali, vale a dire quando si avvertono sintomi di febbre, tosse e difficoltà respiratorie.

Il Prefetto ha precisato ancora che, in caso di chiamata al 112, è fondamentale che l’utente rimanga in linea e non chiuda la comunicazione, in modo che la chiamata non perda la priorità già acquisita, e in modo da consentire al Servizio Sanitario di rispondere rapidamente.

Inoltre, lo stesso ha fatto presente che la cittadinanza deve essere consapevole che l’apparato di emergenza messo in campo sta funzionando al massimo delle proprie capacità e con grande spirito di abnegazione da parte del personale medico e paramedico per la tutela della salute delle persone.

Un nuovo aggiornamento sulla situazione si terrà mercoledì 26 febbraio alle 17 presso questa Prefettura.

24 Febbraio 2020