il network

Giovedì 02 Aprile 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, due contagiati accertati in Provincia di Cremona

Si tratta di un operaio di 58 anni, residente a Pizzighettone, e di un'impiegata di 33 anni, residente a Sesto

Coronavirus, due contagiati accertati in Provincia di Cremona

La riunione dei sindaci in Comune a Cremona

CREMONA (22 febbraio 2020) - Un operaio 58enne residente a Pizzighettone, e una impiegata di 33 anni, residente a Sesto: in attesa di conferme dalla prefettura che riunirà a mezzogiorno il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, dall'Asst che per ora però conferma un solo caso e dall'Ats, sarebbero due i contagiati da Coronavirus accertati in provincia. Intanto, mentre continua la corsa alle mascherine, risultano sospese sostanzialmente tutte le manifestazioni culturali e sportive del territorio.

Questa mattina il sindaco Gianluca Galimberti ha emesso una seconda ordinanza contingibile ed urgente con la quale dispone l'annullamento delle manifestazioni e di eventi pubblici in programma su aree pubbliche o all'interno di musei e teatri, nonché di tutte le manifestazioni e le attività sportive non professionistiche promosse da federazioni, enti, associazioni e società sportive fino a successiva revoca. Il provvedimento è stato preso tenendo conto degli sviluppi e delle notizie relative alla diffusione del nuovo coronavirus nei territori dei Comuni di Codogno, Casalpusterlengo e di altri Comuni di cintura, distanti pochissimi chilometri da Cremona, nonché nel Comune di Sesto ed Uniti, e naturalmente sulla base delle valutazioni emerse in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica del 21 febbraio. L’ordinanza è stata predisposta inoltre a seguito dei contatti avuti, e tutt'ora in corso, con la Prefettura di Cremona, l'Assessorato Regionale alla Sanità e la Direzione di ATS Val Padana rispetto alla situazione attuale, attenendosi alle indicazioni ricevute, nonché alle interlocuzioni informali, in particolare con l'Assessorato alla Sanità di Regione Lombardia, a seguito delle quali è stata prefigurata l'opportunità di adottare misure precauzionali in modo da porre immediato rimedio ad una situazione di natura straordinaria per tutelare al massimo la salute dei cittadini.

Dalla Federazione orati è arrivato l'avviso che il Vicario generale ha disposto la sospensione per la zona 3 (Città di Cremona) di tutte le attività aggregative e formative, compresi gli Oratori che resteranno chiusi sino a nuova indicazione. Alle 12 altra riunione tra le Autorità cittadine per definire eventuali altre misure, oltre a quelle che già riguardano Scuole, Sport, Oratori.

A San Bassano l'istituto Vismara ha vietato l'ingresso a familiari e visitatori. In attesa di ulteriori provvedimenti di Regione Lombardia-Assessorato alla sanità, al fine di tutelare gli ospiti, la Fondazione Istituto Vismara-De Petri ha disposto il blocco degli accessi fino a nuova comunicazione.

«Cari lombardi in queste ore stiamo affrontando una situazione di grande difficoltà. Occorre non farsi prendere dal panico, tenere i nervi saldi ed essere pragmatici, come noi lombardi sappiamo essere». È l’appello del governatore lombardo Attilio Fontana su Facebook.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

22 Febbraio 2020

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2020/02/22 - 11:46

    Visto che un contagiato lavora all'Arvedi si potrebbe chiudere l'acciaieria

    Rispondi

    • giannino

      2020/02/22 - 12:44

      Ma davvero un contagiato lavorava all'Arverdi?

      Rispondi