Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

«Fare figli un danno per il clima», ma il sindaco censura l’opuscolo del Comune

Caso sollevato da Fratelli d'Italia. Il testo era stato promosso dagli assessorati all'Ambiente e alla Famiglia. Galimberti lo fa ritirare

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

05 Febbraio 2020 - 20:01

«Fare figli danneggia il clima»: il sindaco censura l’opuscolo del Comune

CREMONA (5 febbraio 2020) - «Mettere al mondo un bambino è un atto di grande responsabilità. Certamente ogni genitore o adulto responsabile si preoccupa per la qualità della vita delle future generazioni. Da qui a pensare però che siano proprio i bambini una delle principali cause d’inquinamento e che le nuove nascite vadano evitate per salvaguardare l’ambiente, è segno tangibile di totale assenza di cultura e di decadimento della nostra civiltà. E che di tali assurdità si facciano promotrici l’assessore alle Politiche sociali e fragilità di Cremona, Rosita Viola, e la sua collega assessore alla Mobilità sostenibile e Ambiente, Simona Pasquali, è ancor più incredibile, grave ed inaccettabile». E' quanto scrive il Coordinatore Luca A. Grignani, del Circolo Cremona di Fratelli d'Italia. «A firma dei due assessori è infatti in distribuzione presso Spazio Comune un opuscolo dove vengono date ai cittadini cremonesi consigli su come rendere la nostra spesa quotidiana un atto civico, etico, equo e trasparente. A pagina 15 dell’opuscolo, nell’elenco delle 'Quattro azioni individuali più efficaci per mitigare i cambiamenti climatici si legge al secondo posto meno figli. 

Ci chiediamo retoricamente: è mai possibile, ma sopratutto è accettabile, che un assessore della nostra città, pur se addetto all’Ambiente e a maggior ragione alle Politiche sociali e alla famiglia, consigli ai concittadini di scongiurare le nascite di bambini e di evitare di crearsi un famiglia, tanto più numerosa, ritenendoli altrimenti responsabili dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento? Un assessore 'alla Fragilità'? Di quale fragilità? Quelle delle piantine e della verdure...? Ci chiediamo altresì: il sindaco, di cui cui tutti conosciamo la professione di Fede, è al corrente e condivide l’indirizzo e la linea politica dei suoi assessori? Ci si chiede infine: la Chiesa locale e talune associazioni di riferimento, che tanto supporto hanno sempre dato all’attuale sindaco, condividono questi consigli anti-inquinamento? A parte non credibili errori di stampa, siamo certi che nei prossimi giorni ci saranno molteplici occasioni perché il sindaco e la sua Giunta ci chiariscano la loro posizione, che noi tutti sin d’ora consideriamo segno di inciviltà e barbarie assoluta e contro cui siamo disposti, in assenza di immediato ritiro dell’opuscolo e scuse pubbliche, ad una mobilitazione generale».

La risposta chiara e forte del sindaco, Gianluca Galimberti, sulla vicenda non si è fatta attendere: «Non avevo visto il libretto prima della notizia. Quello che è stato scritto è profondamente sbagliato e stupido, grave e non condivisibile. Gli assessori hanno spiegato che è un contenuto estrapolato malissimo da un contesto più generale di uno studio. Verrà ritirato!».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • annacarra86

    06 Febbraio 2020 - 12:37

    Certo che se l'opposizione "facesse passare come il riso" ogni cosa detta e/o pubblicata dai loro "vertici" magari avremmo meno problemi di odio e intolleranza. invece guarda caso quando sbaglia la giunta dell'attuale Sindaco, anche una virgola, sono pronti a saltargli addosso. QUesto è un errore grave sicuramente, ma basta strumentalizzazioni e martellamenti mediatici. Se invece di inverire sempre e per ogni cosa si cercasse di collaborare per il bene comune e non per la gestione del potere, io, cittadina normale, ringrazierei.

    Report

    Rispondi

    • Aletti.renzo

      06 Febbraio 2020 - 16:49

      Le strumentalizzazioni ci sono da ambo le parti, non sono solo prerogativa di una parte, ad essere intellettualmente ONESTI. Poi esiste la libertà di pensiero e di opinione, purché non sfoci nelle offese.Questa è DEMOCRAZIA Lasciamo poi perdere l'odio, in fin dei conti chi ha tirato la riproduzione del duomo di Milano contro l'allora nemico di turno? Un frequentatore di circolo di un partito sx

      Report

      Rispondi

  • stradivari

    06 Febbraio 2020 - 11:46

    Ennesima figuraccia.

    Report

    Rispondi

  • 1074roma

    06 Febbraio 2020 - 08:23

    Non commento verrei giudicato male.....gli ambientalisti.........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti